Bimbo di 9 anni tenta di buttarsi dalla finestra della scuola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:02

Un bambino di 9 anni ha tentato di buttarsi dalla finestra della sua scuola, una primaria di Milano, ed è stato salvato dai maestri. E' accaduto martedì mattina. Del fatto è stato subito informato il Tribunale per i minorenni. Come evidenzia Ansa, si è scoperto che i pm avrebbero già un fascicolo aperto per maltrattamenti da parte del padre, tanto che nel maggio 2019, il minore era stato affidato ai servizi sociali con limitazione della responsabilità dei genitori e collocato a casa della mamma. Il bambino, però, viveva a casa dei nonni paterni, dove il padre entrava e usciva normalmente. Al momento la Procura ha emesso un provvedimento d'urgenza. In attesa di decidere, il piccolo resterà in ospedale.

Suicidi infantili

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) riconosce il suicidio tra le prime 20 principali cause di morte, ogni anno, in  tutte le fasce di età, stimando un milione di morti per suicidio, ovvero un decesso ogni 40 secondi. La prevenzione del suicidio si impone come sfida universale prodotta dallo sforzo congiunto di tutti. Purtroppo, da questo fenomeno non sono esenti neppure i bambini. In Italia in 27 anni, dal 1984 al 2011si sono tolti la vita 374 bambini tra i 10 e i 14 anni di età, secondo i dati forniti  dal  Servizio per la prevenzione del suicidio dell’ ospedale S. Andrea di Roma. Sempre secondo il rapporto, il comportamento suicidario è la seconda causa di morte tra ragazzi e giovanissimi, dal momento che cade nella fascia  di età 15-24 anni. A  togliersi la vita sono più spesso i maschi, con un rapporto di tre a uno rispetto alle femmine. Una tragedia legata spesso a conflitti interni alla famiglia.
   

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.