Monsignor Spina (Ancona-Osimo): “La Pasqua porta il profumo di un’umanità nuova”

Arcivescovo di Ancona. "Pasqua di luci e ombre. Da un lato angoscia, paura smarrimento. Dall'altro luce e speranza"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Monsignor Angelo Spina celebra la messa in una chiesa vuota ad Ancona, 12 aprile 2020

La Santa Pasqua in pandemia come momento di rinascita per l’umanità duramente provata da un anno di emergenza. “La Pasqua di quest’anno è segnata dal drammatico impatto dell’epidemia. E della variante del virus. Appare, quindi, con tutte le sue luci e le sue ombre”, afferma monsignor Angelo Spina.

Pasqua
Ancona

Pasqua di generosità

Prosegue il messaggio pasquale dell’arcivescovo della diocesi di Ancona-Osimo:Da un lato abbiamo angoscia, paura, smarrimento. Dall’altro generosità, speranza, fiducia. La nostra attenzione e preoccupazione si è concentrata sempre più su un colpo di tosse. Su una linea di termometro che supera i 37 gradi. Sul sospetto di aver incontrato una persona positiva. E di dover fare la quarantena. Tanti i brividi di paura e di smarrimento“.Pasqua

Soglia tragica

Sottolinea il presule marchigiano: “Un anno fa non pensavamo minimamente che la soglia dei morti, in Italia, sarebbe arrivata a superare i centomila. Si avverte un malessere diffuso che avvolge tutto il pianeta. Dove nessuno si sente immune. Oltre a cimentarci nella risposta a questo virus, siamo alle prese con interrogativi grandi. Che covano sotto la cenere. Molte vecchie domande abbandonate nei ripostigli delle inutili cianfrusaglie sono riemerse. In questi ultimi mesi come non mai. Mi riferisco alle domande sul senso della vita e della morte. Del dolore. Dell’amore. Della fede. La Pasqua porta un profumo nuovo. Non tanto quello di primavera. Ma di una umanità nuova. Risorta in Cristo”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.