“Ormai noi cattolici in Italia siamo una minoranza”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28

Secolarizzazione. Se n'è parlato spesso del fenomeno di progressiva perdita della fede che riguarda l'Occidente. Ora lo fa, in un'intervista al Corriere della Sera, anche il card. Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura. Il porporato osserva che “in Occidente, anche in Italia, noi cattolici e in generale noi credenti dobbiamo essere consapevoli che siamo una minoranza“.

“Molti ecclesiastici lo rifiutano, quando lo dici ti fermano”, la riflessione del card. Ravasi, “vivono come se ancora fossimo in quei Paesi dove la domenica mattina suonavano le campane e la gente accorreva a Messa”. Secondo lui, “prevale l'indifferenza, l'irrilevanza del fenomeno religioso” “è il problema del secolarismo, o della secolarizzazione” e comporta “una forma di apatia religiosa. Che Dio esista o meno, è lo stesso. E questo comporta la caduta di un sistema etico: i valori sono autoprodotti”. Di fronte a questo fenomeno ci sono “due strade fondamentali: “la prima è ridursi a dire il minimo assoluto, religioso e morale”, ha spiegato Ravasi che però rigetta questo percorso perchè “la presenza dei credenti, anche se minima, dev'essere un urlo, non un sussurro”. La seconda strada indicava dal card. Ravasi è quella di “conservare il nucleo, il ke'rygma della fede, le grandi parole ultime: il Decalogo, il Discorso della Montagna, la verità, la vita e la morte. Fare come San Paolo nell'Areopago di Atene, pur sapendo che è possibile anche il fallimento. La sconfitta e il rifiuto sono parte della dinamica dell'annuncio”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.