L'Elemosiniere del Papa visita le zone colpite

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:00
parrocchia

Monsignor Konrad Krajewski, Elemosiniere di Papa Francesco, si è recato a Ischia per una visita nella zone terremotate di Casamicciola e Lacco Ameno. La visita dell'Elemosiniere, si legge in una nota della Curia vescovile, è stata voluta “direttamente dal Santo Padre come Suo gesto di prossimità nei confronti delle quasi 2500 persone sfollate dalle proprie abitazioni a causa del terremoto del 22 agosto 2017“. Il Pontefice, prosegue il comunicato, “tramite l'Elemosiniere, fa giungere nei giorni vicini al Santo Natale il Suo conforto e i suoi saluti alle popolazioni colpite dal sisma accanto ad un gesto concreto, segno della Carità del Santo Padre, che andrà ad incrementare gli aiuti alle famiglie e alle imprese che la Caritas diocesana sta per elargire tramite appositi voucher”.

Programma

Nella giornata di ieri visita mons. Krajewski ha acelebrato la messa delle 17.30 insieme al vescovo mons. Pietro Lagnese presso la chiesa conventuale dei Padri Passionisti a Casamicciola, mentre nella mattinata di oggi, visiterà in forma privata le zone di Casamicciola e Lacco Ameno.

Dono per i terremotati

“L’elemosiniere – spiega mons. Lagnese – porta un dono del Papa per i terremotati, che alimenterà il Fondo che la diocesi di Ischia con gli aiuti della Conferenza episcopale campana e della Conferenza episcopale italiana ha costituito in favore delle famiglie colpite dal sisma”. Con questo Fondo, chiarisce il presule, “vorremmo aiutare le famiglie che hanno ricevuto danni dal sisma e le microimprese. Io ho nominato una commissione all’interno della curia, che esamina le richieste delle famiglie, di cui fanno parte gli stessi parroci delle zone terremotate”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.