Il 17 febbraio 2017 il Pontefice visiterà l’Ateneo di Roma Tre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00

Papa Francesco sarà il 17 febbraio in visita all’Università Roma Tre. Lo ha annunciato il rettore Mario Panizza durante l’inaugurazione dell’anno accademico 2016-2017. Nel corso della cerimonia d’inaugurazione il rettore ha sottolineato che quella di Bergoglio sarà la prima visita del pontefice in un’università statale italiana.

Nella sua prolusione, il rettore Mario Panizza,  e nella relazione del direttore generale, Pasquale Basilicata, sono stati delineati il profilo, i risultati e gli obiettivi del più giovane ateneo di Roma che “sempre più si proietta verso il futuro puntando – spiega una nota – sulla qualità della didattica e della ricerca, nonché sulla presenza negli scenari internazionali, ma anche cittadini. Altra peculiarità dell’ateneo è infatti la sua collocazione nel tessuto vivo della Capitale, di cui ha contribuito a riqualificare e ad arricchire l’urbanistica recuperando immobili di archeologia industriale per metterli a disposizione di studenti e cittadini”.

Ospite della cerimonia il prof. Matthew Anthony Evangelista, con la sua lectio magistralis su “Diritti umani, conflitti armati e il diritto internazionale: il ruolo dell’individuo nel contesto europeo”. “Sempre più, a nostro avviso – ha detto il rettore Mario Panizza – le università devono impegnarsi a preparare professionalmente i loro allievi, senza però dimenticare il loro dovere di farne cittadini di un mondo globale. Va quindi salvaguardata la dimensione culturale e sociale dello studente-cittadino, futuro laureato, futuro cittadino-lavoratore, accompagnandolo e aiutandolo nel percorso di approfondimento del suo sapere. Roma Tre si impegna dunque a proporre un’offerta formativa che ponga al centro studenti e docenti e che si fondi sulla qualità della didattica e l’eccellenza del corpo docente”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.