Video choc: lancia gatti contro il muro per divertimento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Lancia gatti indifesi contro il muro. Così un uomo, non ancora identificato, che a Birmingham trova il modo di divertirsi a spese dei poveri animali. Nel primo video pubblicato in Rete, l'uomo cattura un felino all'interno di una abitazione, lo tiene in braccio e lo mostra alla telecamera. Qualche istante dopo ride e lancia l'animale contro un muro. Altri due filmati simili, ma avvenuti all'aperto, sono stati pubblicati sui social network. C'è anche la figura di un complice, che ride e si compiace del suo “compagno di merende” mentre tiene in mano la telecamera.

Dalle immagini sono state identificate le zone della città inglese in cui si sono consumati i fatti, tutti in pieno giorno, ma non ancora l'autore del pessimo gesto (il cui volto appare sfocato) né il suo complice di cui si sente solo la voce. Si tratterebbe comunque di persone relativamente giovani. In uno dei filmati, si vede il gatto vittima dell'uomo che zoppica dopo essere stato gettato sul muro. In tutti e tre i video, gli animali reagiscono terrorizzati al trattamento violento cui vengono sottoposti.

I video, che ora sono stati rimossi dai social, hanno comprensibilmente suscitato indignazione tra gli utenti dei social. La Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals (Rspca), ente britannico che si occupa di prevenire gli abusi sugli animali, ha comunicato: “Siamo stati informati di questi video sconvolgenti e ora stiamo cercando di rintracciare l'uomo responsabile”. L'ente spiega che “chiunque abbia informazioni che potrebbero essere utili a qualsiasi indagine” è pregato di contattare il numero telefonico della Rspca.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.