Un patriota scambiato per un terrorista

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Un patriota “scambiato” per un terrorista. E' quanto accaduto a Foggia, dove la targa che ricorda l'austriaco che si battè per l'indipendenza italiana, a cui è dedicata una piazza nel cuore della città pugliese, è stata imbrattata con una bomboletta spray. Cancellata la scritta “piazza”. Al suo posto, per diverse ore, ha campeggiato la dicitura “Amnistia per”.

Indagini in corso 

Con un riferimento al terrorista arrestato nei giorni scorsi dopo 37 anni di latitanza, la targa è stata modificata da ignoti durante la notte. Una “bravata”, forse, che non passerà di certo impunita. Infatti, mentre il personale del Comune si è messo al lavoro per cancellare la scritta, le Forze dell'ordine hanno avviato delle indagini per individuare i responsabili. A seguire il caso sono i carabinieri, che stanno visionando le immagini delle telecamere a circuito chiuso della zona.

Il sindaco

“A titolo personale ed istituzionale, nella certezza di rappresentare il comune sentire dell’intera città di Foggia, esprimo il mio sdegno e la mia condanna per l’atto vandalico con cui è stata imbrattata la targa di piazza Cesare Battisti”. Questo il commento del sindaco del capoluogo dauno, Franco Landella, che ha definito l'accaduto “un gesto idiota, compiuto da qualche nostalgico della violenza politica legata all’estremismo comunista”. “Naturalmente abbiamo provveduto immediatamente a ripulire la targa con la quale la piazza del nostro Teatro Umberto Giordano è intitolata ad un eroe nazionale, tra i più importanti ed autorevoli protagonisti dell’irredentismo italiano”, ha aggiunto il primo cittadino. Che ha concluso: “Gli autori di questa sfolgorante dimostrazione di stupidità, evidentemente, ignorano tanto i valori democratici quanto il rispetto del bene pubblico, oltre a mostrare la più completa assenza di rispetto per le vittime del terrorista assicurato recentemente alla giustizia italiana con grande soddisfazione mia e di tutti gli italiani perbene”. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.