Un libro per insegnare ai bambini a diventare trans

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

La Svezia si conferma culla dell'ideologia gender. La nuova roccaforte su cui sventola la bandiera arcobaleno è un libro per bambini dal titolo Hästen & Husse (Il cavallo e la casalinga). Autrice è la docente universitaria Susanne Pelger, che ha deciso di redarre il volume con un obiettivo ben preciso: “Il tema delle coppie omosessuali è diventato ormai mainstream mentre quello dei bambini transgender è ancora tabù nella società“.

Per questo – come riporta Tempi – ha dato alle stampe un libro che narra storie bizzarre. Uno dei protagonisti sembrerebbe essere un cavallo, che però si identifica come un cane e vuole agire di conseguenza: rosicchia gli ossi, insegue i gatti e gioca a palla.

Oltre al cavallo, la crisi di identità ce l'ha anche la casalinga. Si tratta in realtà di un uomo, che tornando a casa dopo una giornata di lavoro si veste da donna, indossando la gonna, mettendosi il rossetto e lavorando a maglia. I due strani personaggi servirebbero – nell'intento dell'autrice – a indurre i bambini a pensare che “possono essere ciò che vogliono”.

Alla tv di Stato svedese Svt l'autrice ha dichiarato: “Quando ho chiesto se gli uomini possono mettersi il rossetto e portare la gonna, mi hanno risposto: 'Sì'. Ognuno è come si sente di essere. Questa è la cosa migliore”.

Il libro è uscito ad ottobre 2017. Secondo quanto riferisce l'autrice, è stato accolto con favore sia dagli insegnanti di scuola materna che dai librai che lavorano con i bambini. Non c'è da stupirsi. Nell'ottobre scorso ha fatto scalpore la notizia secondo cui le scuole materne di Stoccolma Nicolaigarden and Egalia hanno deciso di rimuovere completamente i termini “bambino” e “bambina” e qualunque altro termine possa far riferimento all’identità sessuale naturale, sforzandosi di chiamare sempre ogni alunno per nome o usando il pronome di genere neutro “hen”.

Ma che il Paese scandinavo rimanga all'avanguardia sul tema del gender lo dimostra, in modo ancora più eloquente, quanto ha deciso la Chiesa di Svezia. L'arcivescovo donna Antje Jackelen, a capo dell'istituzione religiosa, ha infatti chieso ai fedeli di usare un linguaggio neutro quando ci si riferisce a Dio. “Dio va al di là del concetto di genere, Dio non è umano“, ha detto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.