SPOSA UN CANE CONTRO LA SFORTUNA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

Una sontuosa cerimonia, abito da sposa, mazzi di fiori, autista e almeno 70 invitati. Così si è svolto il matrimonio di Magli Munda, 18 anni, in uno sperduto villaggio dell’Est dell’India. Non ci sarebbe nulla di strano, infatti il matrimonio è un po’ il sogno di tutte le donne, soprattutto se si incontra l’amore della vita. Ma in questo caso lo sposo di Mangli è un cane. Un guru locale aveva detto ai genitori della sposa che alla giovane era stato fatto il malocchio e sposare un uomo avrebbe peggiorato la sua situazione, fino ad arrivare alla distruzione della famiglia e della comunità locale.

“Gli anziani del villaggio ci hanno consigliato di allestire il matrimonio e, il prima possibile, abbiamo fatto in modo che il malefico incantesimo venisse distrutto. – spiega il padre della sposa – E sposare un cane era l’unico modo per sbarazzarsi di questa maledetta sfortuna. Molti matrimoni come questo hanno luogo nel nostro villaggio e in altri qui vicino. E’ una pratica a cui crediamo fermamente”. “Dopo aver fatto ciò, l’uomo che sposerò avrà una lunga vita. – spiega la neo sposa – Poi sarò libera di sposare l’uomo dei miei sogni dopo che il malocchio sarà stato allontanato”.

Molti popoli che vivono in luoghi isolati e non ricevono una cultura adeguata sono soliti credere nella sfortuna e nel destino avverso e metto in pratica tutti i consigli che i guru del loro villaggio erogano pur di avere una vita felice. Nel caso di Mangli sposare un cane. Fortunatamente secondo le usanze del posto questo “matrimonio” non avrà nessuna influenza sulla vita della ragazza, se non quello di far credere – a lei e alla sua famiglia – di aver allontanato la sfortuna e sarà libera di risposarsi… ma senza mai divorziare dal cane.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.