Perde le staffe per gelosia: ecco cosa accade

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Che cos'è la gelosia? Nell'Otello di William Shakespeare è “un mostro dagli occhi verdi che dileggia la carne di cui si nutre”. Oggigiorno è più difficile descrivere la gelosia, ma potrebbe essere definito un sentimento o uno stato d'animo che scaturisce dalll'idea di poter perdere quanto di più caro si ha. Un pizzico di gelosia non è necessariamente negativo, neanche all'interno di una relazione sentimentale. E' normale che si provi un po' di gelosia per il proprio partner, l'importante è non eccedere

Ecco cosa è successo a Milano

C'è anche chi per gelosia fa delle vere follie: spiare il proprio compagno, seguire la propria fidanzata o, come è accaduto a Milano c'è chi ha picchiato un coetaneo reo di aver sorriso alla fidanzata. La scena si è svolta sotto gli occhi attoniti di alcuni passanti spaventati che hanno lanciato l'allarme e chiamato le forze dell'ordine. La vicenda vede come teatro un bar della città meneghina. Una coppia era in un locale, quando il fidanzato si accorto che un ragazzo aveva rivolto un sorriso alla sua ragazza. Arrabbiato, gli è andato incontro e ne è nata una lite furiosa

Aggredito con una mazza da baseball

La coppia, a questo punto, si allontana, ma il 24enne una volta rientrato a casa non riesce a dimenticare l'episodio e, in preda all'ira, afferra la sua mazza da baseball e si precipita nel bar dove trova il ragazzo con cui aveva litigato poco prima. Senza neanche lasciargli il tempo di reagire, inizia a colpirlo con una mazza da baseball. E' a questo punto che i passanti chiamano la polizia che fermano il ragazzo. L'aggressore prova a difendersi spiegando che la sua vittima aveva infastidito la fidanzata, versione poi smentita dai presenti. Una reazione che non può essere giustificata con nessuna scusa, nessuno può pensare di sentirsi in diritto di aggredire un'altra persona, a prescindere dal torto che pensa di aver subito. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.