Nudi su un pontile di Canal Grande, Venezia ancora ostaggio degli esibizionisti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Nudi, abbracciati e addormentati. Così due turisti inglesi sono stati sorpresi sul pontile dell’Hotel Europa e Regina, a Venezia. Il bizzarro “avvistamento” è stato fatto alle 5.30 della mattina da un trasportatore che doveva consegnare delle merci all’albergo. Tra lo sdegno dei cittadini e la rabbia per l‘ennesima infrazione a ordinanze e divieti, il video girato dal trasportatore è stato pubblicato sui social network. Mentre scorrono le immagini, che mostrano i due turisti avvinghiati sul pontile, si sente l’uomo che urla ai due di spostarsi perché deve scaricare la merce. Come se nulla fosse, o peggio, come se la scena non risultasse totalmente surreale, i due inglesi in costume adamitico si alzano, in tutta calma si rivestono e poi se ne vanno.

Venezia spesso ostaggio dei turisti

Stanca dell’inciviltà dei turisti, la città di Venezia ha deciso di aumentare le sanzioni per coloro che trasgrediscono i regolamenti e le ordinanze comunali. Secondo il sindaco e la giunta comunale si tratta di misure d’obbligo per la tutela del decoro della città, decise soprattutto dopo che un numero crescente di turisti ha deciso di usare i ponti della città lagunare come trampolino per un tuffo nel Canal Grande. Gli ultimi a essere stati multati per aver “confuso” il celebre canale con una piscina, sono sei turisti belgi che, mentre un loro compagno filmava il tutto con uno smartphone, hanno dato sfoggio delle loro abilità di tuffatori per poi concedersi un bagno nel canale. I sei ragazzi sono stati multati con una sanzione da 50 euro l’uno e rischiano anche una denuncia per intralcio alla navigazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.