Monumenti violati, turista fa il bagno nella Fontana di Trevi: è il terzo in pochi giorni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Una donna tedesca di circa 60 anni è stata multata dopo essersi tuffata nella fontana di Trevi. Gli agenti della Polizia locale di Roma Capitale, hanno visto la donna entrare in acqua vestita: tempestivo il lroo intervento per convincere la donna ad uscire dalla vasca barocca. Una volta fuori dall’acqua, la cinquantenne è stata sanzionata con 450 euro. Dal canto suo, la donna ha spiegato ai vigili che il gesto non aveva nessuna particolare motivazione.

Il “nudo” dell’artista

Ma la lista di quelli che vorrebbero calarsi nella parte di Anita Ekberg è lunga. Quello della turista tedesca è solo l’ultimo caso di ammiratori indisciplinati che violano le fontane della Capitale. La settimana scorsa, un ragazzo romano si è fatto una nuotata completamente nudo nella vasca della Fontana di Trevi. Solo pochi giorni fa una “performance artistica”, non gradita da tutti, di un blogger spagnolo che si è immerso nella vasca barocca indossando una tunica. Il giovane si è poi spogliato all’interno della fontana e, rivolto verso i turisti, ha lanciato i fiori che aveva in mano. Anche in questi casi, l’intervento della Municipale è stato tempestivo e i due hanno ricevuto una multa da 450 euro.

Roma, fontane violate dai turisti

A Pasquetta, due turisti in vacanza dalla Danimarca sono stati sorpresi con le gambe in acqua fino alle ginocchia nella vasca della Fontana dei Due Mari, al Vittoriano. A Pasqua non è passato inosservato il canadese che, salito sulla pedana della Barcaccia a Piazza di Spagna, si è tuffato in acqua. Da gennaio sono state già 15 le violazioni. Un record, se si tiene conto che l’estate è ancora lontana. Lo scorso anno sono stati 48, tra turisti e cittadini romani, ad essere sorpresi a fare il bagno nelle vasche di artisti quali Bernini, Salvi, Pannini.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.