Insulti razzisti dal controllore del bus, la città si scusa

La donna avrebbe obliterato il biglietto solo alla vista dei controllori, filmato da un passeggero il controllore che inveisce

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:40
foto da Lecco Today

Nei giorni scorsi è girato sui social un video in cui un controllore di una società esterna sugli autobus di Linee Lecco, assieme a un collega, rimprovera una signora di origine straniera colpevole di aver timbrato il biglietto in ritardo. Il video mostra l’uomo che riprende ad alta voce la donna, inveendo duramente con commenti razzisti e discriminatori.

“Al Paese vostro non fate queste cose, solo in Italia vi permettete di farle. La differenza è che là vi tagliano le mani quando sbagliate e qua ve ne approfittate. Avete trovato l’America in Italia”.

La “colpa” della passeggera

Il motivo che ha suscitato la grave reazione dell’addetto starebbe nel fatto che la passeggera avrebbe obliterato il tagliando solo alla vista dei controllori. Lo “sfogo” è stato filmato da un altro passeggero e subito diffuso.

Le scuse dell’azienda e del sindaco

Il video ha attratto molti commenti all’interno del gruppo Facebook “Sei di Lecco se…” , saltando all’attenzione anche del personale di Linee Lecco. Nel giro di poche ore i due controllori della Società Civis di Milano sono stati convocati dalla Direzione per le verifiche e i procedimenti del del caso: la società Linee Lecco ha presentato le sue scuse alla donna, alla città, all’Amministrazione e ai propri dipendenti per il pessimo comportamento dei propri dipendenti.

Alle scuse si è allineata anche la Giunta di Lecco con il sindaco Mauro Gattinoni: “L’Amministrazione comunale del Comune di Lecco esprime solidarietà alla ragazza vittima dell’inqualificabile episodio di offese di stampo razzista avvenuto su un mezzo di trasporto pubblico locale nella giornata di ieri, 9 febbraio 2021” si legge in una nota.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.