DOMENICA 21 GENNAIO 2018, 00:04, IN TERRIS

In Bolivia l'evangelizzazione diventa un crimine?

Il Paese di Morales istituisce un nuovo reato: il "reclutamento" in organizzazioni religiose

SIMONE PELLEGRINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Evo Morales
Evo Morales
P

olemiche in Bolivia per la riforma del Codice penale. Tra i diversi aspetti che stanno suscitando critiche e mobilitazioni nel Paese, ce n'è uno che desta preoccupazione tra i cristiani. Si tratta dell'art. 88,che recita: "Chiunque recluti, trasferisca, privi della libertà o ospiti persone con l’intento di reclutarle a prendere parte a conflitti armati o a organizzazioni religiose o di culto sarà condannato a 5-12 anni di prigione".


Le proteste degli evangelici

Il rischio, secondo molti, è che così verrà bandita l'evangelizzazione. Sugli scudi cattolici (il 77% della popolazione è battezzato) e protestanti (circa il 16%, comprese le Chiese evangeliche). Non sono mancate proteste vibranti. Diversi pastori evangelici si sono radunati a La Paz, la Capitale, per esprimere il dissenso delle loro comunità. "Terremo alto il livello di allerta degli evangelici boliviani, e organizzeremo in tutte le città e i luoghi dove ci sono chiese o organizzazioni cristiane evangeliche degli eventi, riunioni, incontri di preghiera e intercessione". Si domanda il pastore Miguel Machaca Monroy: "Ci denunceranno se portiamo un gruppo di persone in un luogo cristiano? Non potremo più predicare il Vangelo per le strade?".


Un "abuso di Stato"

"È deplorevole che la Bolivia diventi il ​​primo Paese latinoamericano a perseguitare i diritti della libertà di coscienza e di religione, che sono protetti dalla Dichiarazione universale dei diritti umani, dalla dichiarazione di San José de Costa Rica e dalla nostra Costituzione", ha commentato in una nota la National Association of Evangelicals in Bolivia (Andeb). Il Codice - prosegue il testo - "è impreciso, ambiguo, scritto male, contraddittorio, e il suo potere punitivo può costituire abuso di Stato".

I leader evangelici lamentano, inoltre, la scarsa partecipazione del popolo nella scrittura della riforma del Codice penale. Di qui l'esortazione ai politici a "lavorare su un nuovo Codice penale che rifletta la realtà sociale della Bolivia".


Le critiche dei vescovi

Prende posizione anche la Conferenza episcopale boliviana. Nei giorni scorsi la segreteria generale dei vescovi ha diffuso una nota in cui si sottolinea che “non contribuisce alla pace sociale il fatto che il sistema giuridico del Paese si vada costruendo senza tenere conto della volontà popolare, con leggi approvate prescindendo dall’indispensabile dibattito nella società”. Nel chiederne il ritiro, i presuli ricordano che la nuova legge “suscita la maggiore e comprensibile contrarietà, da parte di tutta la società boliviana per diversi aspetti”.

Critiche della Chiesa cattolica anche per l'art. 157, che depenalizza l'aborto. Secondo l'episcopato, si tratta di “un Codice fatto per l’interesse del potere e non del popolo. Esso va contro i diritti umani e di cittadinanza fondamentali”, crea insicurezza giuridica e costituisce “un significativo passo indietro dei valori democratici conquistati dalla società boliviana”.


La scelta di Morales

Le proteste hanno prodotto un risultato. Lunedì scorso Evo Morales ha deciso di congelare la riforma per un anno, durante il quale verranno "socializzati" e "discussi" i contenuti del testo con le varie organizzazioni di rappresentanza popolare.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
FIUMICINO

Arrestato il boss dei narcos Dottor Wagner

Socio di El Chapo, coordinava il trasferimento di stupefacenti dal Messico agli Stati Uniti
Metro della linea 2 allagata
CAMPANIA

Bomba d'acqua su Napoli: metro allagata

Problemi anche per chi viaggia in circumvesuviana
Campo rom
PISA

Matrimonio combinato e violenze sulle figlie: padre arrestato

Accusato di "costrizione o induzione al matrimonio", primo caso in Italia
Phoebe Waller Bridge
EMMY AWARD 2019

Emmy: trionfa Fleabag, al Trono di Spade 2 statuette

Tutti i premi più importanti della televisione consegnati nella notte del 22 settembre a Los Angeles
Il card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente del Ccee
GENOVA

Al via il percorso diocesano di formazione socio politica

Il 22 novembre interverranno il card. Bagnasco e David Sassoli, presidente del Parlamento europeo
Ocean Viking
MIGRANTI

L'Ocean Viking attraccherà a Messina

Ok del Viminale: i 182 a bordo toccheranno terra in Sicilia. Tutto pronto, intanto, per il summit a La Valletta
Gino Paoli
ARTISTA E POETA

Gino Paoli e un compleanno senza celebrazioni

L'autore di "Senza fine" e di "Sapore di sale" festeggia oggi 85 anni
Il cenno d'intesa fra Vettel e Leclerc all'arrivo del Gp di Singapore - Foto © Twitter
IL GP

Vettel-Leclerc: Singapore è rosso Ferrari

Straordinaria doppietta per il team di Maranello davanti a Verstappen ed Hamilton
La sacca dell'iniziativa
AMBIENTE

Legambiente: “Rifiuti e pregiudizi inquinano”

700 mila volontari a “Puliamo il mondo”: effetto Greta sull’eco-mobilitazione arrivata alla 27° edizione
L'epicentro del sisma
SISMA

Terremoto in provincia di Udine

Magnitudo 3.8 con epicentro a Tolmezzo, stamattina ha tremato il Centro Italia
Ospedali riuniti di Foggia
CERIGNOLA | FOGGIA

Picchiati da coetanei senza motivo: 2 ragazzi in ospedale

Un secondo agguato a Foggia nei confronti di altri due minorenni
Giuseppe Conte con Maurizio Landini
LECCE

Conte dalla Cgil: "Pugno duro
con chi evade"

Il premier chiude le Giornate del lavoro organizzate dalla sigla sindacale