Scrive “forza Hitler” sull’auto di un’insegnante ebrea

La brutta vicenda è avvenuta a Rosate, comune dell'hinterland milanese, di cui è cittadina onoraria la senatrice Liliana Segre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:42
L'auto imbrattata con la frase vergognosa

Una frase neonazista, per la precisione “Forza Hitler”, è stata scritta con uno pennarello da ignoti sull’auto di una insegnante che appartiene a una famiglia di origine ebrea. La brutta vicenda è avvenuta a Rosate, comune dell’hinterland milanese, di cui è cittadina onoraria la senatrice Liliana Segre. La vicenda è accaduta sabato scorso, ma la riporta oggi il quotidiano “Il Giorno“.

La donna ha trovato la sua auto posteggiata con la scritta ‘forza Hitler’ fatta a mano, con un pennarello indelebile, sul portellone posteriore della sua Fiat Panda. Solo la sua vettura era stata imbrattata, e non ci sono dubbi sul fatto che fosse stata presa di mira. “Se lo incontrassi gli direi di studiare la storia”, ha detto la docente che insegna in una scuola elementare a Milano. La donna ha sporto denuncia.

La solidarietà del sindaco

Il sindaco di Rosate, Daniele Del Ben, ha subito espresso solidarietà alla donna con un lungo post su Facebook. “A prima vista poteva sembrare il gesto dei soliti imbecilli – scrive il Primo Cittadino -. E invece no, perché l’auto sulla quale è stato scritto ‘Forza Hitler’ è di proprietà di una famiglia di origine ebraica residente a Rosate da ventitré anni. La comunità rosatese ribadisce la propria opposizione a qualsiasi forma di intolleranza e di discriminazione di tipo razziale ed esprime solidarietà ai cittadini coinvolti. Ricordo ai responsabili che Rosate si vanta di avere tra i propri cittadini onorari la Senatrice Liliana Segre; qui non c’è spazio per sentimenti xenofobi e antisemiti”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.