Ecco perché dei turisti sono stati aggrediti da un ristoratore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Questa rovente estate europea deve aver dato alla testa a più di una persona. Due giorni fa a Parigi un uomo ha sparato a un cameriere, uccidendolo, perché sarebbe stato troppo lento nel portargli il pranzo. Pochi giorni prima un altro brutto episodio, stavolta in Albania, dove per fortuna non è morto nessuno. Un’estremizzazione violenta del proverbio “fare i conti senza l’oste”. Dei turisti spagnoli si sono recati a pranzo nella località di Porto Palermo, sud del paese, ma non hanno gradito il servizio. Il gestore del ristorante dove hanno mangiato, Mihail Kokedhima, evidentemente ha apprezzato ancora meno la loro opinione e si è lanciato all’inseguimento della loro vettura, portata da due albanesi, ed è saltato sul cofano.

Una scarica di violenza

Come testimonia un video girato da una delle persone in macchina e trasmesso dalla rete locale Report tv, l’uomo con un’inquietante ferocia ha colpito a lungo con i pugni il parabrezza della macchina in corsa, fino a ad aprirsi un varco in cui ha infilato una mano. Nell’abitacolo erano tutti terrorizzati, dalle mani ferite dalle schegge di vetro dell’uomo usciva sangue. Dei due uomini seduti davanti, entrambi albanesi, uno proseguiva la marcia nel tentativo che il furioso ristoratore scivolasse mentre l’altro cercava di fargli mollare la presa a calci e minacciava di chiamare, i turisti spagnoli dietro invece filmavano tutto e pregavano che uno dei due avvertisse le autorità. A un certo punto il conducente ferma la macchina, l’uomo allora scivola dal cofano e prova ad aprire la portiera. Allora l’uomo al volante riparte e fugge, portando gli impauriti turisti in salvo. Kokedhima è stato arrestato per l’aggressione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.