Dove è divampato l’incendio più grande del mondo

Il rogo ha un fronte di circa 2 mila chilometri e il fumo, come osservato dalla Nasa, ha raggiunto il Polo Nord

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:08

Pochi giorni fa, una foto della Nasa ha fatto aprire gli occhi sulla salute del nostro pianeta. Un brusco risveglio per quanti credono che il problema dei cambiamenti climatici non esista. La nostra Terra, come mostra la foto della Fire Information for Resource Management System della Nasa, è letteralmente in fiamme. Grandi incendi bruciano ettari su ettari di terreno in tutti i continenti.

L’incendio più grande del mondo

In particolare, però colpisce la situazione della Siberia dove da giorni un vasto fronte di fuoco sta divorando tutto ciò che incontra sul suo cammino. Una delle regioni più fredde del mondo, la Siberia per l’appunto, lotta contro quello che è diventato il più vasto incendio al mondo. Le fiamme stanno devastando un territorio pari a tutti gli altri incendi del mondo messi insieme. Il rogo che sta devastando la Jacuzia ha un fronte di circa 2 mila chilometri e – a meno di forti piogge – risulta in questo momento assolutamente ingestibile.

La denuncia

Lo denuncia Greenpeace Russia al Moscow Times, stimando che questo incendio potrebbe diventare il più grande nella storia documentata del pianeta. In Jacuzia, la regione più grande e più fredda della Russia, il fumo denso e acre copre gli insediamenti e raggiunge le città a migliaia di chilometri di distanza. Il più grande di questi incendi ha superato 1,5 milioni di ettari, ha detto il responsabile forestale del gruppo ambientalista. Il fumo, osservato con i satelliti della Nasa, la scorsa settimana ha raggiunto il Polo Nord e sembra che sia la prima volta nella storia conosciuta. In tutta la nazione, quest’anno finora oltre 13,4 milioni di ettari di terra sono stati bruciati dagli incendi: un’area grande quanto la Grecia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.