Vaticano, niente udienze generali a luglio

Senza udienze generali Francesco avrà più tempo per approfondire e studiare i testi che più interessano maggiormente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:48

Francesco ha esortato a riscoprire le ferie estive come occasione per coltivare la vita spirituale. Come ogni anno, a luglio, le udienze generali, che per l’emergenza coronavirus in tutto questo periodo si sono tenute via streaming, vengono sospese. Le udienze generali del Papa del mercoledì torneranno ad agosto. Il Papa ha coniato l’espressione di “custodia del diritto al riposo”, che nel linguaggio della fede è una dimensione umana e divina nello stesso tempo. Non “una semplice astensione dalla fatica e dall’impegno ordinario ma un’occasione per viver pienamente la propria creaturalità, elevata alla dignità filiale da Dio stesso”. L’esigenza di santificare il riposo si lega, così, a quella riproposta settimanalmente dalla domenica.

Foto © Vatican Media

Udienze

Notoriamente, Jorge Mario Bergoglio da quando è stato eletto al soglio di Pietro, non ha mai fatto vacanze. Tuttavia in concomitanza dei mesi più caldi, anche per il Pontefice c’è alleggerimento dei tanti impegni in agenda. Naturalmente Francesco continuerà l’Angelus domenicale, incontrerà persone a Casa Santa Marta, riferisce Adnkronos. Avrà più tempo per approfondire e studiare i testi che più maggiormente lo interessano. Si sa che Jorge Mario Bergoglio non guarda la televisione, preferisce la lettura di un buon libro.”Non dobbiamo mai essere schiavi del lavoro, ma signori”, l’appello lanciato in una delle catechesi tra i due appuntamenti sinodali sulla famiglia : il vero tempo della festa sospende il lavoro professionale, ed è sacro, perché ricorda all’uomo e alla donna che sono fatti ad immagine di Dio. Troppi, invece, sono oggi gli schiavi del lavoro, perché l’ideologia del profitto e del consumo vuole mangiarsi anche la festa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.