Tea Energia aderisce alla piattaforma Laudato Si’

L’industriale Raimondo Grassi, presidente del movimento civico "Roma Sceglie Roma" e presidente di Tea Energia, sposa l’invito di Papa Francesco per un cambiamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:35
caritas

“Con grande piacere e gioia, in quanto Amministratore della società di Energie Rinnovabili Tea Energia srl, ho aderito all’iniziativa della Santa Sede promossa da Papa Francesco, LAUDATO SI”, lo comunica in una nota l’imprenditore romano Raimondo Grassi. “Il 4 ottobre prossimo, festività di San Francesco, il Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale inizierà a offrire i Piani Laudato Si’. Papa Francesco ci chiama a sviluppare una ‘amorevole consapevolezza’ riguardo questa casa che condividiamo e ad agire in base ai valori che ci stanno a cuore“.

“È urgentemente necessaria un’azione, ricorda il Pontefice, e come Tea Energia abbiamo deciso di essere al suo fianco. La sfida dell’ambiente e di una ecologia umana è oggi più che mai un’istanza che si presenta a tutte le persone di buona volontà. Anche noi, nel mondo delle imprese dobbiamo avere il coraggio di rispondere ‘presenti’ a questa chiamata. Papa Francesco ha chiamato la famiglia umana ad essere custode del creato, ma noi abbiamo trascurato questa chiamata. Le parole del Pontefice interrogano ogni coscienza, e soprattutto sono da valutare anche con una visione laica. Nella vita di ogni famiglia, nel lavoro, nella società intera: non c’è più tempo di attesa. Attraverso la Piattaforma di Iniziative Laudato Si’, stiamo percorrendo il sentiero di ‘un lungo processo di rigenerazione’ insieme, ricorda l’iniziativa del Dicastero. Noi di Tea Energia siamo pronti a dire il nostro si”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.