Scuola, Save The Children: “La ripresa preoccupa 7 genitori su 10”

La maggiore ansia del rientro a scuola è dovuta sia allʼincertezza sulle modalità di avvio, sia ai timori economici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:23

Il rientro a scuola preoccupa sette genitori su 10 e timori e insicurezze aggravano la condizione delle famiglie più fragili. L’allarme arriva da Save the Children sulla base dei risultati di un’indagine condotta da Ipsos tra il 4 e il 18 agosto scorsi su un campione di 2370 persone intervistate.

L’indagine

Al momento del sondaggio – scrive Save the Children – il 66% dei genitori era a conoscenza della data di riapertura degli istituti, ma quasi 7 su 10 non avevano ricevuto alcuna comunicazione sulle modalità.

La principale fonte di stress per i genitori del post-pandemia è data dall‘incertezza circa le modalità di ripresa delle scuole a seguito delle norme anti coronavirus che preoccupano il 60% delle famiglie.

Questa preoccupazione è seguita dai rischi legati al mancato distanziamento fisico (51%) e quindi dalle possibili variazioni di orario di entrata/uscita da scuola che potrebbero non essere compatibili con gli impegni lavorativi dei genitori (37%), specialmente per i genitori di bambini di 4-6 anni (45%).

La figura dei nonni

In questo ultimo caso i nonni, per chi li ha, tornano ad essere il pilastro del welfare familiare. Verranno “usati” dal 22% dei genitori intervistati. Anche la rinuncia al lavoro o la riduzione dell’orario lavorativo sembra essere una delle opzioni delle famiglie, in particolare quelle con figli più piccoli: una scelta che però – confermando ancora una volta il gender gap del nostro paese – ricadrebbe principalmente sulle madri (14%) più che sui padri (2%).

Sport e musica

Anche le attività extra scolastiche – quali sport, musica, lingua straniera etc. – sono a rischio, a causa delle norme di distanziamento: 7 genitori su 10 credono che il proprio figlio dovrà farne a meno per il prossimo anno.

Le preoccupazioni economiche

Anche la preoccupazione per le condizioni economiche peggiorate negli ultimi mesi, si riflette sul rientro: 1 genitore su 10 crede di non potersi permettere l’acquisto di tutti i libri scolastici, 7 genitori su 10 fra coloro che usufruiscono del servizio mensa si dichiarano preoccupati della possibile sospensione del servizio a causa delle norme anti-Covid, mentre 2 genitori su 10 fra coloro che ne hanno usufruito negli anni passati per i propri figli di 4-12 anni, pensano di non poter sostenere le spese il prossimo anno.

I primi effetti di questa situazione si fanno sentire sulle scelte dei ragazzi sul proprio corso di studi: l’8% dei genitori intervistati dichiara che il proprio figlio pensava di iscriversi al liceo ma, a causa delle difficoltà economiche che sta attraversando la famiglia, ha scelto una scuola professionale.

Per il ministro Azzolina non ci sarebbe “nessun rischio per l’apertura dell’anno scolastico“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.