Prof decapitato, le risposte dei politici: Macron, Le Pen, von der Leyen

Macron: "Voglio dire a tutti gli insegnanti di Francia che siamo con loro, di fare il loro mestiere: rendere dei cittadini liberi"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:31
Dall'alto verso destra: Macron, Pety, von del Leyern, Le Pen

In seguito alla decapitazione del professore 47enne Samuel Paty, insegnante di storia al liceo di Conflans-Sainte-Honorine, vicino a Parigi, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha inviato i suoi “pensieri” agli insegnanti “in Francia e in tutta Europa”.

“Ho appreso con orrore dell’omicidio di un professore a Conflans-Sainte-Honorine – ha postato su Twitter in francese la presidente -. Estendo le mie condoglianze alla sua famiglia e ai francesi. Il mio pensiero va anche agli insegnanti, in Francia e ovunque in Europa. Senza di loro, non ci sono cittadini. Senza di loro non c’è democrazia “. Per l’omicidio, nella notte sono state fermate nove persone.

Le parole del presidente Macron

Il presidente francese Emmanuel Macron ha subito commentato la notizia della decapitazione asserendo che l’oscurantismo e la violenza che accompagna questa tragedia non vinceranno.

“Uno dei nostri concittadini è stato assassinato oggi perché insegnava, perché faceva apprendere a degli studenti la libertà d’espressione, la libertà di credere e di non credere. Un nostro compatriota è stato attaccato in modo vigliacco, è stato vittima di un attentato terroristico islamista” ha detto il capo dello Stato francese, elogiando il collegio scolastico dove lavorava l’insegnante ucciso per il coraggio della preside che ha retto a tutte le pressioni.

Macron ha poi aggiunto: “Voglio dire questa sera a tutti gli insegnanti di Francia che siamo con loro, che tutta la nazione intera sarà al loro fianco, oggi e domani, per proteggerli, difenderli, per permettergli di fare il loro mestiere, che è il più bello: rendere dei cittadini liberi“.

Ha infine affermato che non è stato un caso che l’uomo ucciso dal terrorista fosse un insegnante, perché in questo modo si è tentato di abbattere la Repubblica nei suoi valori e nei suoi punti saldi. Oltre alla possibilità di rendere liberi i figli dei cittadini francesi attraverso l’insegnamento, indipendentemente dalla loro provenienza, dal loro credo o religione.

Marine Le Pen

Ha commentato la terribile vicenda anche la leader del partito francese di estrema destra Rassemblement National Marine Le Pen, che ha postato un duro messaggio di condanna sulla propria pagina Twitter. “Un professore decapitato per aver mostrato le caricature di Charlie Hebdo: è il livello di barbarie insostenibile in cui si trova la Francia”, ha dichiarato la politica francese. “L’islamismo ci fa la guerra: dobbiamo cacciarlo con la forza dal nostro paese”.

E, in risposta a Macron che scriveva “Loro non passeranno”, ha scritto, critica: “Sono già arrivati fin dentro le nostre scuole!”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.