Maturità: verso una nuova modifica?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:48

Si va verso una nuova modifica sugli esami di maturità? In una risoluzione votata in settima commissione al Senato, è stata votata una risoluzione che punta a migliorare gli Esami di Stato. 

I punti da migliorare

La risoluzione è stata portata avanti dalle senatrici del Movimento 5 Stelle in Commissione Istruzione e la relatrice è la senatrice Granato. Rendere i criteri di assegnazione dei punteggi delle commissioni esaminatrici più corrispondenti a parametri oggettivi ed uniformi, in modo omogeneo su tutto il territorio nazionale; chiarire le modalità di conduzione del colloquio; bilanciare il livello di difficoltà delle parti di cui si compone la seconda prova  valutare una riflessione approfondita dulla composizione interna/esterna delle commissioni. Sono questi alcuni degli impegni al Governo votati nella risoluzione in settima commissione. “Abbiamo posto l'attenzione su alcuni temi per migliorare la disciplina degli Esami di Stato, con l'obiettivo di apportare dei correttivi, senza stravolgimenti, per accompagnare meglio le scuole e gli studenti durante tutto il percorso di preparazione e compimento degli Esami, nel modo più opportuno e confacente” spiegano le senatrici del Movimento 5 Stelle in Commissione istruzione. 

Puntare al conseguimento del livello B2 in tutte le lingue

Nella risoluzione, la cui relatrice è la senatrice Granato, compare anche la richiesta al Governo di intervenire, in via specifica, sui licei linguistici per puntare al conseguimento del livello B2 in tutte le lingue; sui licei musicali per armonizzare i risultati in uscita dei percorsi della filiera musicale con le comptenze in entrata previste per l'Alta Formazione nell'otticca di un complessivo riordino di tutto il sistema di istruzione in ambito musicale, oltre ad agevolare le prove per i ragazzi con disturbi dell'apprendimento, per renderle maggiormente fruibili. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.