Lo strano caso della morte di John, padre di Meredith

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:16

Sono ancora tutte da accertare le circostanze nelle quali è morto John Kercher, il padre della giovane Meredith, uccisa durante il suo periodo Erasmus a Perugia. Aveva 77 anni e tre settimane fa il suo corpo è stato trovato riverso sul marciapiedi di Croydon, nel Regno Unito, non tanto distante dalla sua casa: i soccorritori lo hanno trovato gravemente ferito, con una gamba e un braccio spezzati, ignaro di cosa gli fosse successo: “Nessuno sa cosa sia veramente successo. Stava nel negozio di fronte, ne è uscito, e all’improvviso era per terra sul marciapiede con la gente attorno” ha dichiarato un vicino alla stampa locale, poi riportata dal Corriere della Sera.

La strana dinamica

“Nonostante le indagini che abbiamo condotto finora, incluse le testimonianze e l'esame delle telecamere a circuito chiuso, non siamo stati in grado di stabilire come si sia procurato quelle ferite. Manteniamo aperte tutte le ipotesi” ha dichiarato la polizia. L'ipotesi più plausibile è che John Kercher sia stato investito da un'auto, poi fuggita via. Sua figlia, Meredith, venne uccisa a 21 anni nel 2007 a Perugia, dove si trovava per un periodo di studio Erasmus. Sono stati condannati in primo grado la ragazza Usa Amanda Knox e il suo fidanzato Raffaele Sollecito, entrambi assolti in appello. L'omicidio di Meredith resta ancora senza colpevoli, eccezion fatta per Rudy Guede, che sta finendo di scontare la pena in carcere dopo la condanna per concorso in omicidio. Tutto quello che chiedeva John, padre di Meredith, era di scoprire che cosa fosse successo quella notte a sua figlia e chi l'avesse uccisa. Ora la battaglia per la ricerca della verità resta nelle mani della madre Arline, doppiamente distrutta dopo l'ennesima tragedia. 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.