Dopo 10 anni guarisce il braccio di un bambino grazie alla stampa 3D

L'arto è stato raddrizzato al Rizzoli con strumenti stampati ad hoc

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:36
braccio

Si è fratturato il gomito quando aveva 7 anni e da allora il braccio gli è cresciuto deforme. Questa cosa gli ha impedito di compiere anche i più piccoli gesti quotidiani e con un danno estetico importante per un adolescente. Oggi quel bimbo ha 16 anni e dopo quasi dieci anni torna ad avere una mobilità normale. Tutto ciò grazie a un delicato intervento dell’Isituto ortopedico Rizzoli di Bologna con strumenti su misura ottenuti da stampa 3D.

L’operazione che ha fatto riacquistare la funzionalità del braccio

Dopo la frattura del gomito all’età di 7 anni, la cartilagine dell’articolazione non è cresciuta in modo ordinario. Aveva una deformità per cui il braccio destro del ragazzo era in pratica ruotato di 60 gradi rispetto al normale. Un’anomalia che gli impediva ad esempio di afferrare oggetti, di allacciarsi bottoni, e che però ora è stata corretta. A giugno l’equipe della Chirurgia della spalla e del gomito del Rizzoli, diretta da Roberto Rotini, ha eseguito l’intervento e dopo tre mesi il sedicenne ha potuto riacquistare la funzionalità del gomito.

La tecnica innovativa della start up biomedicale

L’operazione si è avvalsa con una tecnica innovativa sviluppata dalla start up biomedicale E-lisa. Eseguite tac sul gomito da operare e sull’altro, con il supporto di un modello informatico, sono stati asportati pezzetti di tessuto dall’osso calcolati per arrivare alla possibilità di ruotare l’omero di circa sessanta gradi, per ripristinarne la normale anatomia.

Strumenti ad hoc stampati in 3D

“Dopo una simulazione virtuale della tecnica – spiega Rotini – il team di E-lisa ha realizzato strumenti ad hoc, stampati in 3D, da usare in sala operatoria senza i quali non sarebbe stato possibile operare”. “Questo intervento – commenta il direttore generale del Rizzoli Anselmo Campagna – rappresenta perfettamente il ruolo del nostro Istituto: trovare soluzioni nei casi più difficili”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.