Gaza: l’Unicef consegna aiuti per 50mila bimbi sfollati

Sono passati nella Striscia 18 container con aiuti salvavita per circa 72.000 persone, fin da subito l'agenzia per l'infanzia ha fatto sentire la sua vicinanza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:13
Palestinian girl trying to fill a jerrycan with clean drinking water. Since the escalation in the Gaza Strip began on 10 May, 40 Palestinian children have been killed, with many more injured and displaced. Prior to this escalation, 1 in 3 children in the Gaza Strip required psychosocial support for conflict-related trauma. That number has now undoubtedly risen. Children must be protected.

L’Unicef ha consegnato ieri 18 container di aiuti, di forniture umanitarie salvavita per le famiglie nella Striscia di Gaza, dove quasi 50.000 bambini sono dovuti fuggire dalle loro case a causa della guerra. Lo ha fatto sapere in un comunicato la stessa agenzia dell’Onu per l’Infanzia, in cui si precisa che i container sono entrati attraverso il valico di Kerem Shalom. “Il convoglio organizzato dall’Unicef con il supporto del cluster logistico per conto di altre agenzie umanitarie ha consegnato 12 container di forniture mediche, che includono un container con kit di primo soccorso, due contenitori di 2.000 sacche di sangue triplo, soluzione salina-glucosio, un contenitore con estintori, due contenitori di antibiotici e altri farmaci per il controllo delle infezioni; 10.000 dosi di vaccino Sinopharm contro il Covid-19”.

L’Unicef – ricorda il comunicato – è intervenuto fin dal primo giorno dell’escalation. Con i partner, l’Unicef ha distribuito materiali di manutenzione per l’impianto di desalinizzazione Southern Seawater di Gaza, compreso il carburante per tre giorni per sostenere il generatore e i materiali per il trattamento dell’acqua”. Inoltre, “ha fornito forniture mediche, tra cui soluzione salina, glucosio, antibiotici e sali per la reidratazione orale, e generi alimentari per coprire le necessità di 72.000 persone. Queste forniture sosterranno la continuità dei servizi di salute materna, neonatale e infantile e per il trattamento dei feriti nella violenza. “Siamo estremamente grati che un accordo di cessate il fuoco nella striscia di Gaza sia entrato in vigore alle 2 di venerdì, perché il tributo umano è stato enorme”, ha detto Lucia Elmi, Rappresentante speciale dell’Unicef nello Stato della Palestina. “Questo permetterà alle famiglie di avere una tregua necessaria e permetterà la consegna di aiuti umanitari e di personale molto necessari nella Striscia di Gaza”, ha aggiunto Elmi, citato dalla nota.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.