“Cambiamo mira! Investiamo nella pace, non nelle armi”

A firmare l'appello sono padre Filippo Ivardi Ganapini (direttore di Nigrizia), padre Mario Menin (direttore di Missione Oggi), Rosa Siciliano (direttrice di Mosaico di Pace)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:37
Mai più “disgrazie sorde al grido dei poveri e di Sorella Madre Terra”. L’appello congiunto “Cambiamo mira! Investiamo nella pace, non nelle armi” promosso dalle riviste Missione Oggi, Mosaico di Pace e Nigrizia è rivolto “alle comunità cristiane, vescovi, parroci, consigli pastorali e a tutte le persone di buona volontà in occasione della solennità della Pentecoste di domenica prossima e della Festa della Repubblica del 2 giugno.  L’appello fa parte del percorso di rilancio della campagna di pressione alle “banche armate”, che avverrà il 9 luglio in occasione dei 30 anni della promulgazione della legge numero 185 del 1990. I promotori hanno realizzato anche un breve video di presentazione: https://youtu.be/ncWT-gVattY

Firme

A firmare l’appello sono padre Filippo Ivardi Ganapini (direttore di Nigrizia), padre Mario Menin (direttore di Missione Oggi), Rosa Siciliano (direttrice di Mosaico di Pace). “Non è questo il tempo in cui continuare a fabbricare e trafficare armi, spendendo ingenti capitali che dovrebbero essere usati per curare le persone e salvare vite”. Con queste parole profetiche, nel suo messaggio di Pasqua, papa Francesco richiama l’urgenza di sostenere la vita e smettere di finanziare la morte. Si legge nel’appello: “Sfida che vogliamo raccogliere e rilanciare con voi. Perché dentro questa emergenza in cui si inietta liquidità nel sistema economico e nella Chiesa per sostenerne le attività, sentiamo ancora più forte l’esigenza di prestare attenzione al denaro e ai suoi movimenti. Il denaro certo serve, per fare il bene, ma farsi suoi servi genera solo disgrazie sorde al grido dei poveri e di Sorella Madre Terra. Vogliamo impegnarci con voi per vigilare sull’origine delle donazioni per opere spirituali, caritative, educative, sociali e comunitarie e sul loro ingresso nei circuiti dei sistemi bancari e di investimento”.

Petrolio al barile

Rete di corruzione

Come sottolinea papa Francesco nell’Esortazione apostolica post-sinodale Querida Amazonia: “Non possiamo escludere che membri della Chiesa siano stati parte della rete di corruzione, a volte fino al punto di accettare di mantenere il silenzio in cambio di aiuti economici per le opere ecclesiali. Proprio per questo sono arrivate proposte al Sinodo che invitano a prestare particolare attenzione all’origine delle donazioni o di altri tipi di benefici, così come agli investimenti fatti dalle istituzioni
ecclesiastiche o dai cristiani”. È sempre più evidente l’assurdità del fatto che il denaro raccolto con le nostre tasse e sottratto alla sanità (tagli per 37 miliardi negli ultimi dieci anni), alla scuola, all’accoglienza, alle famiglie vada a finanziare sistemi militari costosissimi come i caccia F-35 e i sommergibili U-212. Anche i vescovi italiani nel recente documento La Chiesa cattolica e la gestione delle risorse
finanziarie con criteri etici di responsabilità sociale, ambientale e di governance invitano “a individuare processi di conversione delle capacità produttive di armi in altre produzioni ad usi non militari”. Perciò, prosegue l’appello, “vi invitiamo pertanto a prendere parte con noi al percorso di rilancio della campagna di pressione alle “banche armate” che avverrà il 9 luglio in occasione dei 30 anni della promulgazione della legge numero 185 del 1990 che ha introdotto in Italia “Nuove norme sul controllo dell’esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento”.

Verifiche

Percorso che “prevede di verificare le banche in cui abbiamo depositato i risparmi evitando quei gruppi bancari che finanziano, giustificano e sostengono l’industria, il commercio e la ricerca militare, di verificare le fonti delle donazioni a parrocchie, comunità cristiane, comunità religiose e associazioni, anche rinunciando a provenienze dubbie, di sensibilizzarci e sensibilizzare la cittadinanza sul tema della riconversione delle spese, delle aziende militari e delle operazioni bancarie per promuovere le aziende e i fondi destinati a sostenere la vita, di chiedere al governo italiano, insieme a Rete italiana per il disarmo, Rete della pace e Sbilanciamoci, di attivare una moratoria sulla spesa militare e sistemi d’arma per almeno un anno, riconvertendo tale spesa nella sanità, nella scuola, nella cultura, nella difesa dell’ambiente, nelle comunità locali. ‘Servono ospedali e scuole, non cannoni‘, ricordava Aldo Capitini alla prima Marcia italiana per la pace e la fratellanza tra i popoli, subito dopo la seconda guerra mondiale. Rimettiamoci insieme in cammino, oggi, sulle tracce di quelle parole e di quel sogno!”

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.