Arrestato ex senatore nel blitz contro estorsione e riciclaggio a Roma

C'è anche l'ex senatore Sergio DeGregorio tra gli arrestati nell'operazione della Squadra mobile di Roma su un presunto giro di estorsioni e riciclaggio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:40

E’ in corso da questa mattina all’alba un’operazione condotta dalla Squadra Mobile e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, nei confronti di alcune società create per riciclare denaro e commettere estorsioni contro locali del centro della capitale. Agenti della Prima Sezione Criminalità Organizzata stanno eseguendo nove provvedimenti cautelari, emessi dal gip, a carico di altrettante persone ritenute responsabili dei reati di estorsione, riciclaggio ed autoriciclaggio.

Sergio DeGregorio

C’è anche l’ex senatore Sergio DeGregorio tra gli arrestati nell’operazione della Squadra mobile di Roma su un presunto giro di estorsioni e riciclaggio. Lo si apprende da fonti di polizia. L’ex parlamentare eletto con il Pdl è stato sottoposto a misura cautelare in carcere. L’accusa per le 9 persone arrestate nell’operazione coordinata dalla Dda di Roma riguarda, a vario titolo ed in concorso, diversi reati fra cui estorsionericiclaggio ed autoriciclaggio. Eseguito anche un decreto di sequestro preventivo delle quote sociali, dei conti correnti e del complesso aziendale che fanno parte del patrimonio aziendale di alcune società e un sequestro di circa 480 mila euro.

“Sergio De Gregorio si conferma punto di riferimento indiscusso, lo stratega del gruppo, sempre pronto a ‘sistemare’ le cose”. A scriverlo il gip di Roma, Antonella Minunni, in un passo dell’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dell’ex senatore. “E’ lui – continua il giudice riportato da Agi – che risolve le questioni sorte all’interno del gruppo e che suggerisce ogni volta le strategie difensive, é recidivo, avendo riportato, tra l’altro, condanne per corruzione in atto contrario ai doveri d’ufficio. Ha una caratura criminale e scaltrezza davvero eccezionale“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.