Un concerto in ricordo delle vittime del terremoto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

E’ dedicato al ricordo delle vittime dei terremoti 1997-2017 di Umbria, Marche, Abruzzo e Lazio il concerto commemorativo sinfonico-corale “Quattro paesaggi italiani”.

Un doppio appuntamento musicale in programma all’Aquila domani 26 agosto e a Foligno il prossimo 29 agosto, in una sorta di “solidale abbraccio – spiegano gli organizzatori – tra le quattro regioni accomunate dagli eventi sismici e unite da un comune destino: vivere una magnifica terra ma percorsa da imprevedibili terremoti”. Ancora da definire le altre date, ad Amatrice e Arquata del Tronto, di cui ieri è ricorso il primo anniversario.

Il programma

Quattro paesaggi italiani” sono un affresco della memoria per orchestra, prima esecuzione assoluta, di Marcello Filotei, Lucio Gregoretti, Andrea Manzoli, Riccardo Panfili; “Messa in Gloria” per soli, coro a quattro voci e orchestra Giacomo Puccini il tutto con la partecipazione di Luciano Ganci tenore, Giovanni Meoni baritono, Massimiliano Fiorini basso, Coro “Cantori di Assisi”, Coro dell’Accademia di Pescara, Coro Polifonico “Città di Tolentino”, Aldo Cicconofri maestro del coro, Orchestra Sinfonica Abruzzese, Ulrich Windfuhr direttore.

Ad un anno dalle scosse che hanno colpito il Centro Italia e a venti dal terremoto del 1997 in Umbria e Marche, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese e gli Amici della Musica di Foligno – che ne curano insieme anche la direzione artistica e la realizzazione – hanno commissionato l’opera a quattro compositori italiani provenienti dalle regioni terremotate.

Il progetto è sostenuto da Comune di Foligno, Comune dell’Aquila, Fondazione Cassa di risparmio di Foligno, Mibact. Ingresso libero all’Auditorium San Domenico di Foligno, con ritiro biglietto invito presso lo IAT di Porta Romana, il 28 e 29 agosto dalle 10 alle 13.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.