“Teatro patologico”: un palco per gestire le emozioni degli “allievi speciali” senza pregiudizi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Un palco per disabili mentali, un luogo (o non-luogo) dove esprimere le proprie emozioni senza sentirsi giudicati. E’ il “Teatro Patologico” un corso di formazione sperimentale – recita il cartello in via Cassia 472 a Roma – di “Teatro integrato dell’emozione” in collaborazione con l’Università di Tor Vergata che ha il preciso scopo di scardinare i preconcetti che riguardano l’estraniamento comunicativo del malato. Stefania, una delle insegnanti del corso di teatro, sottolinea: “In questo teatro gli allievi si sentono liberi di sperimentare. Scoprono le emozioni, imparano a riconoscerle e a usarle sul palcoscenico e nella vita di tutti i giorni”.

Ma entriamo nello specifico. Il Teatro Patologico è un’associazione onlus fondata da Dario D’Ambrosi, attore, regista, autore, che è diventato Teatro Stabile dal 2009. Dal 2016 partorisce un nuovo progetto: il Corso per disabili “La Magia del Teatro”.

Il primo corso universitario di formazione teatrale per ragazzi con disagi psichici e/o fisici permette di accedere a una preparazione completa – riporta Redattore Sociale – attraverso lo studio di materie e tecniche teatrali: dalla recitazione alla drammaturgia, dalla scenografia ai costumi, dalle luci all’organizzazione e allestimento. Gli allievi sono guidati da 15 docenti sono affiancati, a loro volta, da un comitato scientifico di psicologi e psichiatri. Lo scopo è quello di formare artisti e maestranze con specifiche competenze e capacità uniche – come unico è ognuno dei partecipanti ai corsi – da “spendere” in ambito lavorativo o semplicemente per stare meglio.

“Docenti psichiatrici e specialisti medici – si legge nel sito di presentazione – riconoscono con grande meraviglia quanto veloce sia la capacità di riabilitazione e reintegrazione che segue la terapia teatrale; il miglioramento ed il benessere del singolo passa attraverso la forza e l’armonia dei tanti: le due cose non sono prescindibili. Una società che accolga la disabilità rispecchia la volontà di liberarsi dai condizionamenti che soffocano la nascita del nuovo, del bello, dello straordinario”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.