MUSICA PER LA RICERCA, L’AIRC CELEBRA IL SUO 50ESIMO ANNIVERSARIO A PARMA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:30

L’Airc, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, celebra il suo 50° anniversario con un grande concerto di beneficenza nel teatro Farnese di Parma. Una serata “lirica” diretta dal Maestro Sergio Pellegrini, che mercoledì sera alle 21 vedrà alternarsi sul palco il tenore Juan Francisco Gatell, il basso Roberto Scandiuzzi, il baritono Vladimir Stoyanov, il mezzo soprano Diletta Rizzo Marin e i due soprani Chiara Isotton e Anna Pirozzi, oltre ai solisti dell’orchestra dell’Opera di Parma.

Un successo già annunciato quello di domani sera, come ha spiegato Gianfranco Beltrami, consigliere Airc responsabile del territorio di Parma: “Ci attende uno spettacolo di altissimo livello in una cornice davvero incantevole. La città ha risposto come meglio non avrebbe potuto: i biglietti per i 300 posti disponibili sono andati esauriti in pochi giorni e tantissime aziende del territorio hanno mostrato la loro vicinanza, appoggiando l’iniziativa e sposando il progetto.” Tutti i musicisti e i cantanti che parteciperanno al concerto hanno rinunciato al proprio cachet ed il teatro è stato fornito a titolo gratuito per la serata dal Polo Museale dell’Emilia Romagna. I ricavi dell’esibizione saranno devoluti al progetto “Musica per la ricerca” dell’associazione, che offre borse di studio a giovani ricercatori per la lotta contro il Cancro.

Molte le iniziative musicali dell’Airc quest’anno, a partire dal grande concerto di Bologna diretto da Riccardo Muti del 28 maggio fino all’esibizione di ieri sera all’arena di Verona per celebrare i 40 anni di attività di Fiorella Mannoia, che ha voluto destinare gli incassi della serata alla ricerca sul Cancro. Si sono uniti alla cantante anche Loredana Bertè, Enrico Ruggeri, Emma, Noemi e J-Ax, registrando anche ieri sera un tutto esaurito, confermando l’efficacia della musica come metodo di raccolta fondi per la ricerca e come strumento di sensibilizzazione del pubblico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.