MARTEDÌ 19 MAGGIO 2015, 000:10, IN TERRIS

La pazzia e la Giustizia

AUTORE OSPITE
La pazzia e la Giustizia
La pazzia e la Giustizia

italo_dangeloLe tragedie che si susseguono in ogni parte d'Italia - nord , centro o sud -
ci spingono a porci un interrogativo inquietante: quanti sono i pazzi che circolano liberamente in ogni parte del nostro Paese? Io non sono un giustizialista, anzi con il passare degli anni e con l'esperienza maturata nel settore della giustizia sono diventato, e mi ritengo, un garantista. Ma le ultime sentenze che ho avuto modo di leggere per crimini efferati, commessi da persone psico-labili, pongono degli interrogativi; e i cittadini, soprattutto le vittime innocenti, attendono una risposta.

“In nome del popolo italiano ... letti gli articoli ... dichiara … assolto dai reati ascritti perché incapace di intendere e di volere”. Ecco, si restituisce alla società un soggetto, malato e pericoloso, con la sola attenzione affidata alla Autorità di Pubblica Sicurezza che è sempre più gravata di incombenze e urgenze. Tutti sappiamo che, dopo i primi controlli, il soggetto sarà in grado di circolare liberamente nel territorio dello Stato e avrà la possibilità di commettere altre azioni illecite se non crimini efferati.

Si è già verificato, più volte, che pazzi omicidi scontata la pena o la misura di sicurezza, abbiano reiterato i propri comportamenti criminali verso innocenti cittadini che hanno avuto la sola sventura di incontrarli. E allora ci chiediamo: cosa aspettano i nostri legislatori a porre in atto misure di sicurezza più severe, applicando nei casi più gravi il ricovero coatto in luoghi di cura, ricovero fissato in periodi lunghi e con liberazione prevista solo nel caso di dimostrata incapacità del malato criminale a reiterare la propria condotta delinquenziale?

Il buonismo imperante si sta dimostrando purtroppo incapace a dare risposte efficaci. La pazzia di una madre che uccide il proprio figlio o di un uomo che spara all'impazzata compiendo una strage non può concludersi con un'assoluzione per incapacità e tre anni di semplici controlli. Tre anni di "osservazione" non valgono una vita di sofferenze, famiglie distrutte e la paura di rivedere, per strada, in giacca e cravatta, la persona che solo alcuni mesi prima si è presentato a casa tua per togliere la vita a tuo figlio. Il Legislatore deve riflettere sulla ormai quotidiana frequenza dei crimini dovuti alla follia e porvi al più presto un rimedio. Altre morti non sono giustificabili.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Recep Tayyip Erdogan
CAOS GERUSALEMME

Erdogan al vetriolo: "Israele terrorista"

Il presidente turco apre il vertice dell'Oic: "La Città santa sia capitale della Palestina"