COMPIE OGGI 226 ANNI LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL’UOMO E DEL CITTADINO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Veniva emanato il 26 agosto del 1789 l’importante testo giuridico risultato della Rivoluzione francese. La Dichiarazione, che contiene una lista di diritti fondamentali di ogni individuo e cittadino, fu redatta da una commissione speciale di cinque membri su mandato dell’Assemblea Nazionale Costituente. Inspirata dagli ideali della rivoluzione americana e a documenti come la Dichiarazione d’Indipendenza, la carta del 1789 rappresentò un passo decisivo e una pietra miliare verso la promulgazione del 1948 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani da parte delle Nazioni Unite.

Il documento è costituito da un breve preambolo seguito da 17 articoli che elencano i diritti fondamentali di ogni uomo, trai i quali l’uguaglianza davanti alla legge, il diritto alla proprietà privata, alla sicurezza, alle libertà di culto, pensiero, parola ed espressione, nonché quello alla resistenza all’oppressione, alla partecipazione ai processi decisionali e legislativi (direttamente o tramite rappresentanza) e il dovere a contribuire alle spese pubbliche, da dividere equamente tra i cittadini. “Gli uomini nascono e rimangono liberi e uguali nei diritti. Le distinzioni sociali non possono essere fondate che sull’utilità comune.” Questo è il primo e fondamentale articolo della Dichiarazione.

La carta segnò la chiusura definitiva con l’Ancient Regime, alimentando i rapidi cambiamenti sociali del periodo e assegnando la sovranità democratica a tutti i cittadini della nazione. Base di molte Carte costituzionali nazionali in Europa e nel mondo, la Dichiarazione è stata inserita nel 2003 nell’elenco delle Memorie del Mondo dell’Unesco.

La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino, non si occupava però dei diritti delle donne, perchè non erano considerate, di fatto, cittadine francesi e non aboliva nemmeno la schiavitù che, seppur deplorata e già in disuso nell’Europa continentale, veniva ancora utilizzata come prima fonte di manodopera nelle piantagioni delle colonie francesi d’oltreoceano, dove venne abolita solo nel 1794.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.