IL SANTO DEL GIORNO SANTA MARCELLINA

8520
s.marcellinaSanta Marcellina Vergine. Marcellina nacque a Roma (o, secondo altre fonti, a Treviri) da famiglia patrizia verso il 327 e si convertì in gioventù al cristianesimo. Fu maestra di fede per i fratelli minori, Satiro e Ambrogio, soprattutto dopo la morte della madre. Il secondo sarebbe divenuto il celebre santo vescovo di Milano. Nel giorno di Natale del 353 la donna ricevette il velo verginale da Papa Liberio in San Pietro in Vaticano. Nel 374, all’elezione del fratello, si trasferì con lui e Satiro a Milano. Nella città lombarda Marcellina continuò la vita comunitaria con le compagne venute da Roma. Morì nel 397, pochi mesi dopo Ambrogio, e fu sepolta nella basilica ambrosiana. Nel 1838 il milanese monsignor Luigi Biraghi fondò l’Istituto religioso femminile delle suore di santa Marcellina, impegnate per vocazione nell’educazione culturale e morale della gioventù femminile.
CURIOSITA’: Le è intitolata la congregazione delle Suore di Santa Marcellina, fondata nel 1838 da Luigi Biraghi e da Marina Videmari per l’istruzione delle giovani di elevata condizione sociale. Il suo elogio si legge nel Martirologio Romano al 17 luglio.

Santa Marcelina (Roma, 327ibídem, 397) es una virgen y santa católica. Hermana mayor de san Ambrosio de Milán. Marcelina nació en el año 327, probablemente en Roma. Posteriormente, su padre fue nombrado prefecto del pretorio de las Galias, y la familia pasó a vivir en Tréveris.

Eligió vivir una vida de virginidad perpetua, y se dedicó a la práctica de la oración y el ascetismo. El día de Navidad, probablemente en 353, recibió el velo devirginidad consagrada de las manos del papa Liberio. Marcelina falleció en 397 poco meses después de su hermano el Obispo Ambrosio. Fue enterrada en la cripta bajo el altar de la Basílica de S. Ambrosio, y fue honrada como una santa. Su fiesta se celebra el 17 de julio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS