Lotta al bullismo: arriva il vademecum di Polizia e pediatri rivolto a genitori e ragazzi Informarsi, consigliare, diffidare degli estranei. Sono alcuni dei consigli per contrastare un fenomeno sempre più diffuso

504
bullismo

Dopo il caso del padre che ha postato su Facebook la foto del figlio pestato dai bulli e l’impressionante boom di condivisioni – è stata superata quota 200 mila – vittime e genitori si chiedono cosa fare di fronte a questo vergognoso fenomeno. La risposta arriva da Società italiana di Pediatria e Polizia di Stato che hanno pubblicato un vademecum riservato alle famiglie ma anche ai ragazzi.

Queste le indicazioni.

Consigli per i genitori

Parla con i tuoi figli di sicurezza e tecnologia quanto prima e più spesso che puoi, nello stesso modo in cui parli della sicurezza a scuola, in auto, sui mezzi di trasporto pubblici o in ambito sportivo. Chiedi loro quali sono le informazioni che è appropriato condividere online e quali è meglio evitare. Parla con loro di come percepiscono la privacy. Accompagnali, soprattutto i più piccoli, il più possibile e da subito attraverso l’esperienza di navigazione online, condividendo insegnamenti e impressioni sui contenuti. Impara dai tuoi figli. A meno che tu non sia un utente di Internet particolarmente attivo, è probabile che i tuoi figli ne sappiano più di te. È un ottimo modo per capire come si comportano su Internet e per renderli consapevoli di eventuali pericoli. Rispetta i loro interessi. I ragazzi di oggi sono cresciuti con Internet, cellulari e Sms. Le nuove tecnologie hanno sempre fatto parte della loro vita e rappresentano una importante opportunità per il loro presente e per il loro futuro.

Consigli per i ragazzi

Stabilisci alcune regole di base. Prima di postare qualcosa, pensaci bene! Attento a non dare confidenza agli sconosciuti, e non rendere disponibili a chiunque informazioni private, fotografie ecc. Controlla le impostazioni sulla privacy dei servizi online che utilizzi e stai sempre attento a cosa condividi e con chi. Segnala i contenuti inappropriati. Puoi rivolgerti alla Polizia Postale per segnalare contenuti o attività illegali su Internet (www.commissariatodips.it). Apriti se hai un problema, parlane con qualcuno: un amico, i tuoi fratelli, i tuoi insegnanti, i tuoi genitori, una associazione o le forze dell’ordine. Qualcuno potrà sicuramente aiutarti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS