IL SANTO DEL GIORNO SAN BIAGIO

14826

s.biagioSan Biagio, vescovo e martire. Poco si conosce della sua vita, di cui oggi si festeggia la memoria liturgica. Notizie biografiche si possono riscontrare nell’agiografia di Camillo Tutini, che raccolse numerose testimonianze tramandate oralmente. Si sa che fu medico e vescovo di Sebaste in Armenia e che il suo martirio è avvenuto durante le persecuzioni dei cristiani, intorno al 316 d.C., nel corso dei contrasti tra gli imperatori Costantino (Occidente) e Licino (Oriente) al tempo della pace costantiniana. Nell’VIII secolo alcuni armeni portarono le reliquie a Maratea (Potenza), di cui è patrono e dove è sorta una basilica sul Monte San Biagio.

Il suo culto è molto diffuso sia nella Chiesa Cattolica che in quella Ortodossa. Nella sua città natale, dove svolse il ministero vescovile, si narra che operò numerosi miracoli, tra i quali quello per cui è maggiormente conosciuto, ossia, la guarigione, avvenuta durante il periodo della sua prigionia, di un ragazzo da una lisca di pesce conficcata nella trachea. Tutt’oggi, infatti, si invoca san Biagio per i “mali alla gola” e da questo evento risale il rito della “benedizione della gola”, compiuto con due candele incrociate.

Inoltre San Biagio fa parte dei quattordici cosiddetti santi ausiliatori, ossia, quei santi invocati per la guarigione di mali particolari. Venerato in moltissime città e località italiane, delle quali, di molte, è anche il santo patrono.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS