IL SANTO DEL GIORNO SAN DIEGO; SAN OMOBONO

251
san diegoSan Diego d’Alcalà, nacque nell’Andalusia (Spagna) verso il 1400, è venerato come santo dalla chiesa cattolica. È uno dei santi più popolari della Spagna e delle Americhe, dove portano il suo nome fiumi, baie, canali e varie città, tra cui San Diego di California. Nulla però sappiamo della sua famiglia e dei suoi primi anni. In gioventù si narra che fece vita eremitica vicino al paese nativo, successivamente entrò nell’Ordine dei Minori accolto dalla comunità francescana di Arizafe, presso Córdoba, là fece il noviziato come fratello laico, addetto ai lavori più umili. Nel 1441 venne inviato nelle Canarie e promosso guardiano del convento di Fuerteventura dove predicò instancabilmente il vangelo affrontando molte difficoltà e disagi. Nel 1449 fra Diego ritorna in Spagna, e nel 1450 è a Roma per il Giubileo e per la canonizzazione di Bernardino da Siena, in maggio. Nella capitale italiana rimane per qualche tempo dedicandosi alla cura degli appestati: assiste i confratelli nel convento dell’Aracoeli, organizza distribuzioni di viveri e con le sue preghiere ridonò la salute a molti infermi. Ritornato in Spagna morì in Alcalà de Henares, presso Madrid, il 12 novembre 1463.
Diego d’Alcalá venne canonizzato da papa Sisto V nel 1588 che pose la sua festa al 13 novembre.
_______________________________________________________________
san omobonoSan Omobono Tucenghi, mercante di Cremona, sposo di una moglie onesta e virtuosa sì, ma non al punto di approvare l’inesauribile generosità del marito e di non rimpiangere tutto ciò di cui egli si privava. Cosicché uno dei meriti di sant’Omobono fu quello di persuadere anche la moglie alla carità evangelica da lui praticata. Fu un commerciante di stoffe stimatissimo, era abile negli affari e ricco, ma il denaro, nella sua concezione della ricchezza, era per i poveri.Si dedicava al lavoro solo quando era libero dalle pratiche di cristiana pietà e un giorno del 1197, mentre era alla Messa, in ginocchio davanti all’altare, allargò le braccia e le richiuse come in un abbraccio, morendo così all’improvviso, in pace e in silenzio. Subito si diffuse la fama di santità. Innocenzo III lo elevò agli altari già due anni dopo nel 1199.
CURIOSITA’: Protettore di mercanti, lavoratori tessili e sarti.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS