A Fatima il meeting dei Vescovi europei e delle Chiese orientali sui migranti Ha inizio oggi la Ccee, il Consiglio Episcopale del Vecchio Continente

217
fatima

Ha inizio quest’oggi l’incontro annuale dei vescovi delle Chiese orientali cattoliche in Europa. in programma fino a domenica 23 ottobre, la sede scelta per il meeting di quest’anno è Fatima, in Portogallo, su invito del patriarca di Lisbona, il card. Manuel Clemente, presidente della Conferenza episcopale portoghese. In questo incontro-pellegrinaggio al santuario mariano, di cui ricorrerà il prossimo anno il centesimo anniversario delle apparizioni, i vescovi che rappresentano le 15 Chiese cattoliche orientali in Europa, insieme a vescovi rappresentanti di diverse Conferenze episcopali dei Paesi dell’Europa occidentale (Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito e Spagna) si confronteranno sulle sfide della cura pastorale dei migranti cattolici orientali in quei Paesi.

“Sin dal crollo dei regimi totalitari nei Paesi dell’est – si legge in un comunicato diffuso sul sito delle Conferenze Episcopali Europee – un flusso massiccio di migranti cattolici di rito orientale, appartenenti quindi prevalentemente a Chiese sui iuris, hanno iniziato una nuova vita nei Paesi Occidentali. Dopo vent’anni, con un flusso abbastanza costante di nuovi migranti e la nascita della seconda generazione fra i primi arrivati, le Chiese locali che accolgono, prevalentemente di rito latino nei Paesi occidentali, sono confrontate a nuove sfide in termini di preservazione dell’identità culturale ed ecclesiale di questi migranti”.

All’incontro parteciperà anche il prefetto per la Congregazione per le Chiese orientali, il card. Leonardo Sandri. I vescovi ascolteranno le analisi dell’economista João Luís César das Neves sulla questione dell’integrazione, le testimonianze di una famiglia romena e di una docente, che lavora quotidianamente con i “figli” dei migranti, e ancora il rapporto tra Chiesa che accoglie e Chiesa di origine. Sarà presente ai lavori anche il nuovo presidente del Ccee, il card. Angelo Bagnasco. I lavori si concluderanno domenica 23 ottobre con la celebrazione della divina liturgia presieduta da Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk, arcivescovo maggiore di Kyiv-Halyč, nella chiesa della Santissima Trinità e il passaggio della Porta Santa della Misericordia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS