Pagamenti arretrati in Campidoglio, Raggi: “Vertice positivo con il governo” La prima cittadina dopo l'incontro di Palazzo Chigi: "Nessuna criticità sul salato accessorio". Ma i sindacati sono sul piede di guerra

156
raggi

Una Virginia Raggi sorridente ha lasciato Palazzo Chigi dove ha incontrato i vertici del governo per discutere sul nodo dei pagamenti arretrati ai dipendenti capitolini.  Ma i sindacati restano sul piede di guerra e si dicono pronti allo sciopero. Sul salario accessorio il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, ha ricordato che la questione rientra strettamente nell’autonomia decisionale e nella responsabilità della Amministrazione comunale. Su bilancio e riduzione del disavanzo il governo ha invitato il Comune ad una verifica nella sede deputata ad affrontare tale problema che è il Tavolo Interistituzionale che si riunirà a breve per il monitoraggio sul primo semestre 2016.

“Inizieremo a raccogliere le adesioni dei dipendenti capitolini al ricorso per il recupero del salario accessorio non erogato, con un’azione legale promossa da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl Roma e Lazio. Le quote di produttività riferite al 2015, sospese dal prefetto Tronca e che la Sindaca Raggi ad oggi non ha ancora sbloccato, erano previste dal già magro atto unilaterale dell’ex Sindaco Marino” hanno detto i sindacati. “Per evitare il maxi contenzioso ci aspettiamo un intervento immediato che porti allo sblocco delle somme inspiegabilmente non versate dall’ amministrazione capitolina. Senza atti concreti – hanno spiegato i segretari generali Natale Di Cola, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini – insieme all’azione legale partirà la mobilitazione, senza escludere lo sciopero generale”.

Ma secondo Raggi si è trattato di “un incontro molto positivo, non sono state rilevate criticità sulla soluzione proposta dal Campidoglio riguardo al salario accessorio”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS