SCOZIA, I PRIMI CIRCOLI DI PIETRA SONO PIU’ ANTICHI DI STONEHENGE DI 5000 ANNI Le conclusioni arrivano dallo studio di due antichi cerchi di pietra, quello di Callanish e di Stenness

548
circolo pietre

I primi monumenti in piedi in pietra della Gran Bretagna sono stati costruiti in linea con i movimenti del Sole e della Luna 5.000 anni prima della celebre Stonehenge. Lo rivela uno studio coordinato da Gail Higginbottom, dell’università di Adelaide, e pubblicato su Journal of Archaeological Science.

“Nessuno prima di adesso – ha commentato Higginbottom – aveva determinato statisticamente che un cerchio di pietre fosse stato costruito sulla base di fenomeni astronomici. Erano finora solo supposizioni”. Il lavoro dimostra invece, in modo statistico, che la disposizione delle pietre in due siti megalitici britannici seguono gli allineamenti astronomici.

Le conclusioni arrivano dallo studio di due antichi cerchi di pietra, quello di Callanish e di Stenness (entrambi in Scozia), che precedono la costruzione del più celebre Stonehenge di circa 5000 anni. La disposizione delle pietre segue i principalmente i movimenti ciclici del Sole e della Luna, ma – grazie allo studio – emergono anche allineamenti più complessi poi rinvenuti in moltissimi altri monumenti successivi.

“E’ la prova che gli antichi Bretoni – ha aggiunto il ricercatore – collegarono la Terra al cielo con le loro prime pietre verticali e che questa pratica continua nello stesso modo per 2000 anni”. “Queste persone – ha spiegato Higginbottom – scelsero di erigere queste grandi pietre in modo molto preciso in relazione al paesaggio e alle conoscenze astronomiche che avevano. Investirono un’enorme quantità di energie e di studi per farlo. Questo ci racconta il forte legame che avevano con l’ambiente che li circondava, e quanto dovesse essere importante per loro, per la loro cultura e per il tramandarsi nel tempo delle loro conoscenze”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS