TREGUA PD-NCD, RENZI: “SFIDA REFERENDARIA DECISIVA PER L’ITALIA” Il premier al vertice Nato con la consapevolezza di una maggioranza ricompattata dopo il 'caso' Alfano

533
renzi

Il premier Matteo Renzi vola al vertice Nato con la consapevolezza di una maggioranza ricompattata dopo lo scoppio del ‘caso’ Alfano e il caos interno in Ap. Il rischio imboscata nel voto, che si avrà la settimana prossima, sulla legge sugli enti locali sembrerebbe scongiurato. Ma restano altri, difficili, nodi, a partire dalla sfida referendaria. Renzi affronta l’argomento referendum costituzionale sulla E-News: “Se riusciamo a parlare di contenuti, l’Italia dice Sì” al referendum. “E allora – come sempre, più di sempre – io chiedo il vostro aiuto. Per vincere questa sfida, che è decisiva per l’Italia, abbiamo bisogno che ciascuno di voi si metta in gioco. Il referendum dovete personalizzarlo voi, con il vostro impegno”.

“Cresce l’attenzione anche oltre confine per il referendum – scrive ancora Renzi -. Dopo che i britannici hanno votato per la Brexit, e accortisi di ciò che hanno fatto, cercano di inventarsi qualche soluzione di ripiego, i commentatori internazionali mettono nel mirino il referendum del nostro Paese. Si sottolineano i rischi di un’eventuale vittoria del No, cui si è aggiunto in queste ore Massimo D’Alema. Allarmi forti e chiari, anche comprensibili. Ma non vinceremo questo referendum evocando la paura del No”.

Il premier è poi tornato sulla strage avvenuta in Bangladesh, a Dacca, con la morte di 9 nostri connazionali per mano dei terroristi: “Il modo giusto per non dimenticare Cristian, Marco, Nadia, Claudia, Adele, Simona, Vincenzo, Maria e Claudio – ha sottolineato il premier – è difendere questi valori. Il modo giusto per ricordare queste persone non è rinchiudersi nella paura, ma vivere con ancora più intensità. La strategia di morte dei terroristi va rifiutata ogni giorno, ogni istante. Ma va combattuto l’odio a tutti i livelli”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS