MARYLAND, SPARATORIA IN UN LICEO: UN MORTO E UN FERITO Un uomo ha ucciso la moglie nel parcheggio dell'High Point High School di Beltsville

428
sparatoria

Gli Usa tornano a tremare davanti a un nuovo caso di uso improprio di armi da fuoco. Eulalio Tordil, un uomo 62enne, ha aperto il fuoco nel parcheggio dell’High Point High School di Beltsville, nello Stato del Maryland, sulla costa occidentale, uccidendo l’ex moglie, la quarantaquattrenne Gladys Tordil, che era seduta nella sua auto in attesa dell’uscita da scuola dei loro figli. Alcuni proiettili hanno ferito alla spalla un uomo che aveva cercato di intervenire. Secondo l’emittente Nbc news, è in condizioni stabili in un ospedale locale.

L’assassino è riuscito a fuggire ed è attualmente ricercato dalla polizia in tutta la zona. “La sparatoria è stata ripresa dalle telecamere di sicurezza situate nel perimetro dell’edificio scolastico”, ha assicurato il capo della polizia Hank Stawinski III che, in una conferenza stampa, ha commentato l’accaduto definendolo “Un triste, triste evento”. Fortunatamente, nel momento della sparatoria non era presente la maggioranza degli studenti perché le lezioni erano già finite da un’ora. Erano però ancora in sede i ragazzi che stavano svolgendo le attività pomeridiane. Nessuno di loro, assicurano le forze di polizia, è stato coinvolto direttamente nella tragedia.

L’ultima sparatoria in ordine di tempo avvenuta in liceo americano è successa il 24 aprile scorso nello Stato del Wisconsin, quando un 18enne armato con una carabina aveva aperto il fuoco e ferito due studenti prima di essere ucciso a sua volta dalla polizia. Il killer si chiamava Jakob Wagner, si era diplomato lo scorso anno, e aveva iniziato a sparare contro gli studenti che uscivano da una rappresentazione teatrale, all’esterno del suo liceo nella città di Antigo, a circa 240 km a nord di Milwaukee.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS