PREMIER LEAGUE, RANIERI SORRIDE: SCUDETTO AD UN PASSO Il pareggio del Leicester con lo United rimanda la festa. Se oggi gli Spurs non vincono sarà il trionfo delle Foxes

536
ranieri

Il Leicester è a un passo dal fare la storia. La squadra di Claudio Ranieri ha pareggiato 1-1 in casa del Manchester United, e il trionfo in Premier League è semplicemente rimandato. Tutto dipende dal Monday night: se il Tottenham non vince con il Chelsea, il Leicester potrà festeggiare l’impresa. L’1-1 di Manchester implica che mancano due punti per raggiungere il traguardo, ma visto quello che stava accadendo nel finale, con l’espulsione di Drinkwater per doppia ammonizione, il pareggio va accolto con gioia. Il primo tempo è a favore dello United, partito alla grande, mentre nella ripresa la squadra di Ranieri ha costruito le migliori occasioni.

Nei primi dieci minuti le Foxes vengono travolte dal tornado United. Il Manchester attacca sulle corsie laterali, in particolare quella sinistra, e il Leicester soffre. Valencia invita Martial al tiro con un cross all’8′: il francese tira di destro e abbatte Schmeichel. Più tardi, il portiere danese è fondamentale in una respinta sul tiro sicuro di Lingard. Fellaini, che ha collezionato già due falli nei primi dieci minuti, rifila una gomitata a Huth. Sarebbe espulsione diretta, ma l’arbitro Oliver non vede nulla. Poi, al primo assalto, il Leicester trova il gol grazie ad una punizione calciata da Drinkwater, e Morgan, di testa, firma il pareggio. 1-1. Il pareggio rianima la squadra di Ranieri, ma al 30′ Simpson compie un grande errore: sbaglia il passaggio e la palla arriva a Lingard, ma lo stesso Simpson impedisce al giocatore dello United di tirare.

Poco dopo, a causa di un contrasto nell’area dei Red Devils, potrebbe arrivare il rigore per il Leicester: Rojo manda a terra Mahrez. Tuttavia, anche questa volta, Oliver non interviene. Nella ripresa il Leicester va all’attacco. La prima occasione matura è al 50′, ma la difesa dello United si fa valere. Iniziano i cambi. Van Gaal inserisce Mata e Depay, Ranieri risponde con Gray e Albrighton. All’87′ Drinkwater si aggrappa a Depay, rimediando il secondo cartellino giallo. L’Old Trafford chiede il rigore, ma l’arbitro concede la punizione fuori area. Ma la respinta, di piede, di Schmeichel al 92′ su Depay è l’ultima emozione del match. Dopo 4′ di recupero Oliver fischia tre volte.

“Non guarderò la gara del Tottenham, sarò l’ultimo uomo del Regno a sapere come sarà andata. Ho fatto i complimenti ai ragazzi – dice Ranieri ai microfoni di Fox Sports -. Non guardiamo mai ai punti che mancano, chiedo solo alla squadra di mostrare carattere, del resto noi non siamo bravi come le grandi, ma facciamo cose eccezionali perché sappiamo lottare con tutti”. Anche con lo United: “Ci aspettavamo che oggi sarebbe stata dura. Il Manchester United ha grandi campioni e Van Gaal sta facendo un grande lavoro – prosegue -. Noi non abbiamo iniziato benissimo, forse eravamo un po’ tesi e senza Vardy mancava la profondità. Siamo stati bravi a restare calmi e compatti e dopo il pareggio abbiamo preso più coraggio, determinazione e tranquillità. Non siamo bravi come le grandi, sappiamo i nostri limiti e senza Vardy è più difficile perché con Vardy devono sempre stare in 2-3 attenti ai suoi movimenti. Domani sarò l’ultimo uomo nel Regno Unito che guarderà la partita del Tottenham. Ringrazio i tifosi perché se stiamo facendo questo è merito soprattutto dei tifosi. Ho fatto i complimenti ai ragazzi e gli ho detto che dobbiamo continuare cosi”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS