USA, OBAMA SI CONGEDA DAI GIORNALISTI E SCHERZA SU DONALD TRUMP Il presidente ha abbandonato il tono scherzoso solo per rendere omaggio al corrispondente Jason Rezaian

642
obama

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama si è congedato dai giornalisti durante la cena annuale dei corrispondenti alla Casa Bianca, in questo caso l’ultima per il presidente. Obama ha scherzato con i giornalisti e ha accompagnato le parole di saluto portandosi due dita alle labbra e lasciando cadere il microfono.

“Voglio chiudere la mia ultima cena con i corrispondenti dicendovi grazie – ha detto Obama -. Sono davvero orgoglioso di ciò che avete fatto, è stato un onore e un privilegio lavorare fianco a fianco per rafforzare la nostra democrazia”. Il presidente, alla fine del suo discorso, ha pronunciato le parole “Obama out”, come fanno le star del pop quando concludono un’esibizione particolarmente riuscita.

Durante la manifestazione, Obama ha anche parlato di Donald Trump, di solito ospite abituale della cena, il quale questa volta ha preferito inviare i suoi figli e restare a casa. “”E’ a casa mangiando una Trump steak? O sta twittando insulti ad Angela Merkel? Che cosa sta facendo?”, ha chiesto divertito il presidente. Gli scherzi sono andati avanti per tutto il corso della serata, con Obama che ha ironizzato sull’aumento di popolarità che sta registrando in vista della scadenza del mandato: “l’ultima volta che stavo così in alto fu quando mi dovevo decidere per la specializzazione all’università”. Da notare che “high” in inglese vuol dire anche “fumato” oltre che alto.

Alla cena erano presenti varie celebrità di Hollywood come l’attore Will Smith con la moglie; la star della serie tv “Scandal”, Kerry Washington; Helen Mirren; Bryan Cranston; la cantante Aretha Franklin. Il presidente ha abbandonato il tono scherzoso solo per rendere omaggio al vecchio corrispondente del Washington Post da Teheran, Jason Rezaian, liberato a gennaio scorso dopo 18 mesi di prigione in Iran.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS