ESPLODE UN’AUTOBOTTE DI GPL IN PAKISTAN: 15 MORTI Un'auto della polizia che viaggiava ad alta velocità ha urtato il mezzo causandone la deflagrazione

671
pakistan

E’ di almeno 15 morti, tra i quali dieci bambini, il bilancio di un tragico incidente avvenuto questa mattina in Pakistan, nel distretto di Sheikhupura. Un’auto della polizia che viaggiava ad elevata velocità ha urtato un’autobotte che trasportava Gpl – parcheggiata sul ciglio della strada – facendola esplodere. La deflagrazione ha investito i numerosi passanti che riempivano le strade nell’ora di punta per l’entrata a scuola. Tra i mezzi che hanno subito maggiori danni, ci sono due auto di passaggio e almeno un risciò con a bordo bambini che andavano a scuola travolti dalle fiamme. Il ‘chief minister’ del Punjab Shahbaz Sharif, fratello del premier Nawaz Sharif, ha ordinato l’apertura di un’inchiesta per chiarire le cause dell’incidente.

Nelle stesse ore dell’incidente, i talebani pakistani hanno rivolto ai media locali un pesante avvertimento a restare “imparziali” se non vogliono finire nel mirino dei militanti armati. Il portavoce del Tehrek-e-Taliban Pakistan (TTP), Muhammad Khurasani, ha citato al riguardo i reportage “irresponsabili” di Deewa Radio, servizio in lingua pashto della Voice of America, Dawn TV e Khyber TV. “Abbiamo spesso messo in guardia Deewa – ha detto Khurasani – ma il loro comportamento irresponsabile non si arresta”. Come esempio di informazione malintenzionata, il portavoce ha citato il recente attacco ad un veicolo delle Guardia di Frontiera (Fc) a Quetta in cui dieci persone, fra cui quattro guardie, hanno perso la vita. “I media citati – ha affermato – hanno attribuito la responsabilità dell’attentato al gruppo Jamaat ul Ahraar, (oppositore del TTP) mentre esso è stato realizzato dallo stesso TTP”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS