MONTEZEMOLO: SCHUMACHER “È STATO IL PIÙ GRANDE PILOTA DELLA FERRARI” L'ex numero 1 della Ferrari rompe il silenzio e commenta la triste vicenda dell'ex pilota, e suo amico, Michael Schumacher

537
schumacher

Purtroppo non sono buone le notizie su Michael Schumacher, il pilota di Formula Uno che il 23 dicembre del 2013 è stato vittima di un terribile incedente sulla pista da sci di Meribel, in Francia. Il campione tedesco, cadendo mentre stava sciando, colpì violentemente la testa su un masso e, da allora, non si è più ripreso. La sua famiglia ha sempre mantenuto un doloroso riserbo e le poche notizie trapelate in questi anni sono sempre state molto generiche e misurate.

Luca Cordero di Montezemolo – ex numero 1 della Ferrari, ma soprattutto amico del campione – intervistato dalla rivista Quattroruote e invitato a commentare la tragica vicenda dell’ex pilota, ha raccontato che in questi anni è rimasto sempre in stretto contatto con la famiglia Schumacher, ma che purtroppo le ultime notizie che ha ricevuto non lasciano sperare in un miglioramento.

“È stato il pilota più vincente con la Ferrari, ha avuto un solo incidente serio in carriera nel 1999 e allora fu colpa nostra, non sua”, ha detto a Quattroruote Montezemolo, il quale ci tiene a specificare che, nonostante sia stato spesso affermato il contrario, Schumacher non era affatto uno sciatore spericolato e non avrebbe mai messo a rischio la sua vita o quella degli altri. “La vita è davvero strana – ha concluso Montezemolo – purtroppo una caduta sugli sci, accidentale, lo ha rovinato”.

L’ex pilota ora vive nella sua residenza di Gland, in Svizzera, dove è assistito da uno staff medico di 15 persone, oltre che dalla sua famiglia. Nei mesi scorsi, il Daily Express aveva riportato alcune testimonianze di persone vicine al campione di Formula Uno che parlavano di un “percorso molto duro, senza miracoli all’orizzonte”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS