AEREO VOLA “CONTROMANO” PER UN’ORA, PANICO TRA I CONTROLLORI

435
aereo

Anche in cielo esistono le corsie di volo per gli aerei. Ma evidentemente, non tutti i piloti ne sono al corrente. Durante la notte di Natale, un volo diretto a Kuala Lumpur, da Auckland, in Nuova Zelanda, ha seguito una rotta molto strana, mettendo in allarme le autorità. Il veivolo, infatti, anziché seguire la direzione nord-ovest come di rito, pare abbia volato per più di un’ora in direzione sud, prima di riprendere la rotta prestabilita. In questo periodo di tensioni, l’accaduto ha suscitato diversi dubbi e i controllori di volo stanno investigando.

La notizia arriva da un giornale della Nuova Zelanda che ha riportato le ragioni del pilota e le dichiarazioni della compagnia. Pare che dopo otto minuti di volo, questi abbia scelto di non seguire la rotta prestabilita dalla sua compagnia, ma di prendere una direzione “più diretta”, in quanto passare per Melbourne avrebbe allungato il tragitto. Dopo qualche minuto di discussione con la torre di controllo di Auckland (in realtà dopo un’ora di viaggio), l’aereo ha ripreso a seguire la rotta prestabilita e tutti i passeggeri sono arrivati a destinazione sani e salvi.

La compagnia sta investigando, ma nel frattempo il pilota è stato in parte elogiato dai suoi superiori, in quanto non ha semplicemente volato “passivamente”, ma si è domandato quale fosse la rotta migliore e per quale motivo l’aereo dovesse andare a sud. La risposta è che tale rotta, destinata a sorvolare i cieli dell’Australia, era stata originariamente scelta per evitare il possibile maltempo e i venti forti. Si pensa quindi che la compagnia abbia preferito tracciare una rotta più a sud per consentire agli aerei di non imbattersi nei temporali locali. Tuttavia, pare che il tempo nella zona tra la Nuova Zelanda e l’Australia sia stato perfetto negli ultimi giorni.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS