FINE DELL’EMBARGO USA-CUBA: PRESTO VOLI DIRETTI TRA I DUE STATI Per ora si tratta di una intesa aeronautica in vista di un accordo formale atteso a stretto giro, che potrebbe concludersi con esito positivo nel giro di pochi giorni

292

Ad un anno esatto da quando Barack Obama aveva annunciato la fine dell’embargo tra Usa e Cuba, sono molti i passi in avanti che i due Paesi hanno compiuto per arrivare ad un rapido disgelo dei rapporti. In queste ultime ore i governi dei due Stati hanno raggiunto un’intesa diplomatica per il ripristino dei collegamenti commerciali regolari. L’accordo, riferito da fonti cubane e americane, segna un punto a favore per spianare la strada alla ripresa dei voli diretti. Per ora si tratta di una intesa aeronautica in vista di un accordo formale atteso a stretto giro, che potrebbe concludersi con esito positivo nel giro di pochi giorni.

Nell’ultimo anno sono molti i progressi che i due Stati hanno fatto nel migliorare i loro rapporti. Ma non è solo merito dei diplomatici di Usa e Cuba. Infatti un ruolo fondamentale è stato “giocato” da Papa Francesco e dalla diplomazia Vaticana che ha permesso di far incontrare Obama e Castro su un terreno favorevole, spianando alcuni ostacoli.

Nel corso dell’ultimo anno, sono state abolite le restrizioni per i turisti americani che si recano a l’Avana, sono state riaperte le ambasciate. Inoltre sono stati facilitati i rapporti commerciali, i gestori di carte di credito e bancomat statunitensi hanno ripreso le loro attività nell’isola caraibica. Inoltre, sempre nell’ambito dell’eliminazione dell’embargo, il presidente Usa Barack Obama, ha ordinato la chiusura del super carcere di Guantanamo, operazione che sta richiedendo dei tempi lunghissimi, ma che si avvia alla sua conclusione.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS