Una donna bellissima

496
  • English
  • Español
servizio

Maria è la “piena di grazia”. “Rallegrati, o piena di grazia”, rallegrati tu che sei stata e rimani piena di favore divino. Cioè tu che non sei stata mai separata da Lui. In altre parole: la tua relazione con Dio non è stata mai interrotta dal peccato, a partire dal seno materno. Non sei stata soggetta al peccato originale, quel peccato che tutti gli uomini portano con sé fin dal concepimento. In te, o Maria, c’è la pienezza dell’armonia divina. In altre parole: sei bellissima.

Il Signore è con te da sempre e per sempre. Sei piena di gioia. A queste parole Maria rimane turbata e si domanda che senso abbia tale saluto. Vedendo il suo turbamento, l’angelo le dice: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso dio”. cioè dio, vedendo in anticipo rispetto a noi la tua vita, si è come innamorato di te, ti ha vista adatta a un compito grandioso, perciò ti ha scelto, riempiendoti della sua “grazia”, rendendoti partecipe della sua vita sin dall’inizio della tua esistenza.

“Ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerà Gesù. Sarà grande e chiamato figlio dell’Altissimo. Il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre, e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.

Ogni donna in Israele sperava di essere scelta da Dio per essere la madre del Messia, dell’unto del Signore, dell’inviato da Dio per essere il re salvatore del popolo di Israele. Anzi, Dio aveva predetto, attraverso i suoi profeti, che egli stesso sarebbe venuto a pascere il suo popolo vista l’inaffidabilità di quasi tutti i re d’Israele.
Maria non apparteneva al numero di queste donne. Lei portava in sé un mistero. Aveva scelto di non “conoscere” uomo, cioè di non consumare l’atto coniugale con nessun uomo. Lei, vergine, era sì promessa sposa, fidanzata, ma non aveva e non avrebbe avuto rapporti coniugali con Giuseppe, suo sposo, discendente di Davide.

Pur avendo contratto il fidanzamento solenne con Maria, Giuseppe non l’aveva ancora introdotta in casa sua. Lei aveva fatto un voto di verginità illuminata dallo Spirito Santo. Per questo dice all’angelo: “Com’è possibile? Non conosco uomo!”. Il significato della sua affermazione è molto chiaro: non vuol dire che ancora non ha avuto rapporti coniugali con Giuseppe, ma che non intende averli. Come se uno a cui si offrisse una sigaretta rispondesse: “Grazie, non fumo”. Ciò comporta il fatto che anche Giuseppe era d’accordo che sarebbero vissuti come fratello e sorella.

L’angelo però risponde che lo Spirito Santo non è in contraddizione con se stesso. L’ispirazione che lo Spirito aveva dato a Maria di rimanere intatta, sarebbe rimasta. Lo Spirito Santo sarebbe intervenuto perché lei concepisse senza il seme maschile. Il concepimento di Gesù sarebbe stato un atto dell’onnipotenza creatrice di Dio. Maria esclama: “Ecco, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto”. (…)

Maria poi è bellissima nell’incontro con il vecchio profeta Simeone. Lui riconosce nel Bambino Gesù l’atteso delle genti, inviato di Dio per la salvezza del suo popolo. Maria sarebbe stata partecipe di Cristo nell’attuare questa salvezza universale. L’anziano profeta, infatti, si rivolge a lei e le dice: “Una spada trapasserà il tuo cuore, perché siano svelati i pensieri di molti cuori”. Maria porterà nella sua vita il doloro destino del suo popolo. Con suo Figlio Gesù sarà al centro della contraddizione che Egli susciterà: rovina e risurrezione di molti in Israele. (…)

Infine la bellezza di Maria diventa folgorante nel Cenacolo. Gesù si è tolto dalla presenza visibile tra i suoi. Maria, Madre di tutti loro, Madre di tutta la Chiesa, è in mezzo a loro. Lo Spirito Santo e Maria rendono Cristo contemporaneo alla Storia.

Tratto da “Il sì di Maria”, ed. Sempre

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY