BERGOGLIO NOMINA MONS. NAPOLIONI E SANGUINETI VESCOVI DI CREMONA E PAVIA I nuovi presuli provengono dalle diocesi di Camerino-San Severino Marche e di Chiavari

541
  • English
bergoglio

Papa Francesco questa mattina alle 9.30 ha presieduto una riunione dei Capi Dicastero della Curia Romana presso la Sala Bologna del Palazzo Apostolico. Inoltre ha nominato due nuovi vescovi: monsignor Antonio Napolioni nella diocesi di Cremona e monsignor Corrado Sanguineti nella diocesi di Pavia. I due, succeduti ai monsignori Dante Lafranconi e Giovanni Giudici, provengono rispettivamente dal clero delle diocesi di Camerino-San Severino Marche e di Chiavari. Monsignor Antonio Napolioni, nato l’11 dicembre 1957, è parroco di San Severino Vescovo dal 2010 e vicario episcopale. Ordinato sacerdote il 25 giugno 1983, ha ricoperto diversi incarichi nell’Agesci, è stato rettore del Seminario Regionale Marchigiano dal 1998 al 2010 e direttore del Centro Regionale Vocazioni delle Marche dal 2006 al 2010.

Attualmente è docente di Teologia Pastorale e Catechetica nell’Istituto Marchigiano di Ancona, mentre ha insegnato Teologia Pastorale e Catechetica nel Pontificio Istituto di Pastorale della Pontificia Università Lateranense fino al 2001. Dal 5 gennaio 2005 è cappellano di Sua Santità. Monsignor Corrado Sanguineti, finora pro-vicario generale della diocesi di Chiavari, è nato a Milano il 7 novembre 1964 e ha ricevuto l’ordinazione sacerdotale il 30 ottobre 1988. Dal 2013 è parroco di San Colombano in Vignale e di San Martino del Monte in San Colombano Certenoli, e prevosto della Cattedrale di N.S. dell’Orto; dal 2005 è direttore e docente dell’Istituto di Scienze Religiose “Mater Ecclesiae” di Chiavari e insegna Sacra Scrittura presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale – Sezione di Genova. Anch’egli è cappellano di Sua Santità dal 2011.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS