Spettacolo al Luzhniki: il Mondiale russo ha già vinto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:43

Tripudio di colori per il gran finale di questo straordinario Mondiale russo, il primo senza l'Italia dopo 60 anni ma anche il primo, dopo una quindicina, a regalare qualche vera sorpresa. Una di queste è in finale, la Croazia meraviglia di Zlatko Dalic, l'altra si è fermata in semifinale, il Belgio di Martinez. Ma la vera rivelazione è stato il Mondiale stesso: intenso, ricco, tecnologico, con Var promosso con annessi e connessi (e con messaggio alla Champions) e tutti i corollari di sicurezza, tifoserie e organizzazione. La Coppa del Mondo di Russia 2018 ha trionfato su tutta la linea, pur non sapendo ancora chi sarà il campione del mondo. Che sia la Francia di Deschamps o la rivelazione croata un dato è certo: chi vince questo trofeo lo farà perché se lo è meritato, che sia una conferma (i Bleus) o un appuntamento con la storia da scolpire su pietra (la Croazia).

Il Mondiale delle sorprese

Bella la cerimonia di chiusura, con il Luzhniki di Mosca adibito a festa e stracolmo di colori di tutte le nazioni. Bello il canto russo accompagnato dal bongo di Ronaldinho, ovazione per Nicky Jam, Will Smith & Era Istrefi che cantano l'inno ufficiale del mondiale Live it up. “Bello tutto”, come direbbe il Marchese del Grillo ma, anziché andarcene insoddisfatti, tutti incollati ai teleschermi per l'ultimo atto di un Mondiale che, senza esagerare, è stato un po' una svolta per il mondo del calcio, ormai calato appieno nell'era della tecnologia e deciso nell'affermare che, ormai alla fine della seconda decade del nuovo millennio, il calcio che conta possono arrivare a giocarselo tutti, anche la Croazia e il Belgio, con pieno diritto forti come sono di tecnica, voglia e talento.

L'ex capitano tedesco, Philip Lahm, che lascia la Coppa al centro del campo segna anche un passaggio d'era: dalla potenza dei tedeschi alla tecnica di Francia o Croazia. Lo spettacolo è servito. Bello tutto ma ora si gioca. E allora via per chiudere in bellezza una Coppa che, di per sé, ha già vinto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.